Centro ostaggio dei ragazzini sballati, di notte è una toilette a cielo aperto. E chi protesta subisce la ritorsione. Il sindaco: «Arrivano spycam»

Lunedì 13 Settembre 2021 di Giacomo Quattrini
Osimo, il centro addobbato per la festa del patrono

OSIMO - Odori nauseabondi nei vicoli più appartati del centro storico. Via Dragone e vicolo Buon Villano dietro al teatro, via Compagnoni in zona piazza Dante, vicolo Malagrampa vicino al mercato coperto. Sono diversi gli angoli del centro dove nelle notti dei fine settimana si alza il fetore di urina lasciata da ragazzi in preda all’alcol. Alcuni residenti raccontano che si tratta molto spesso di ragazzine ubriache che fanno i loro bisogni nei vicoli più appartati e meno illuminati. 

Troppi drink, 15enne sfiora il coma etilico e passa la notte all'ospedale. Multati i due amici che erano con lui

 
Uno di loro, spazientito, rientrando da teatro sabato sera si è ritrovato il portone inondato di urina e ci ha anche fatto un video sui social per chiedere maggiore senso civico e più interventi delle autorità competenti. Preferisce mantenere l’anonimato, perché a volte i ragazzi hanno fatto anche dispetti verso coloro che li bacchettavano per il caos, ma comunque racconta: «Il centro storico è rinato da qualche tempo ed è bello vederci tanti giovani ma le situazioni di degrado non sono più sostenibili, servono spycam e controlli nelle zone meno frequentate, nei vicoli dove gli adolescenti si appartano a fumare spinelli o a fare bisogni e poi, proprio per questo, servono bagni pubblici adeguati, come ad Assisi, dove si entra a gettone h24 e sono sempre puliti». 


I servizi igienici
Il riferimento è al fatto che in centro storico i bagni pubblici sarebbero tre. Sarebbero, perché quelli lungo le scale che scendono in via Fonte Magna, sono aperti da Osimo Servizi solo la mattina, quando c’è maggiore movimento al mercato coperto, i bagni di piazza Nuova sono invece inagibili da mesi dopo gli atti vandalici che ne hanno rovinato le porte e si è in attesa ancora del loro ripristino, infine ci sono i bagni sotto le logge di via San Francesco custoditi da una cooperativa, ma chiudono all’1 di notte e dunque spesso anche per questo gli adolescenti non li utilizzano durante le notti di sballo. Il sindaco Pugnaloni interpellato ieri in merito a questi disagi vissuti nel salotto cittadino con il tanfo di urina che specie d’estate non dà pace ai residenti, lancia un appello «al senso civico da parte dei ragazzi e delle loro famiglie». E assicura che «come amministrazione lavoriamo su maggiori controlli, con l’apertura della sede di polizia locale in centro e l’arrivo di nuove spycam nelle zone scoperte in balia di degrado e vandali, ma stiamo anche progettando i nuovi bagni per piazza Nuova». E dire che da giorni in centro si respira anche atmosfera di festa con l’accensione delle luminarie di San Giuseppe. La lunga e intensa settimana di eventi patronali rischia di stridere però con le lamentele dei residenti. Ma tant’è, la piazza ieri mattina era animata da decine di corridori che han partecipato alla 38esima gara podistica trofeo 5 Torri.


Le iniziative 
Tra i prossimi eventi ci saranno gli incontri alle 21 al chiostro di San Francesco. Il primo stasera con l’Arcivescovo Angelo Spina che relazionerà su “Il cammino della Chiesa Diocesana”, domani “Sindone, indagine su un mistero” con il dottor Fabio Quadrini, mercoledì “Le piazze di San Francesco, una esperienza di annuncio” padre Enzo Fortunato. E alla vigilia del weekend di San Giuseppe, giovedì alle 21 al chiostro il concerto della banda cittadina e della corale Cruciani mentre in piazza alle 21,45 “Modulazioni: paesaggi sonori tra classica ed elettronica” con l’associazione Font d’Art, Caterina Palazzi, Luca Longobardi e Macchine Nostre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimo aggiornamento: 08:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA