Vandali spietati contro il defibrillatore: cartellino giallo dal questore, arriva l'avviso orale

Mercoledì 26 Gennaio 2022 di Giacomo Quattrini
Vandali spietati contro il defibrillatore: cartellino giallo dal questore, arriva l'avviso orale

OSIMO - Due dei tre giovani osimani denunciati per il danneggiamento del defibrillatore automatico posizionato vicino al Tiramisù hanno ricevuto la notifica dell’avviso orale emesso dal Questore Cesare Capocasa. Il commissariato di polizia di Stato di Osimo, che dopo due settimane di indagini era riuscito a risalire alla gang responsabile dell’atto vandalico avvenuto a Natale in via 5 Torri, hanno ieri consegnato l’avviso orale ai due ragazzi, che ora non potranno più sbagliare.

 

Questa misura preventiva consente all’autorità di pubblica sicurezza di intimare a chi tiene condotte ritenute socialmente pericolose di mutare stile di vita, con l’avvertenza che in caso di inadempienza si procederà con l’emissione di misure più afflittive. Il Questore di Ancona, considerata la gravità dell’episodio e la connessa pericolosità sociale dei presunti autori del gesto, ha irrogato nei loro confronti l’avviso orale con l’intento di ammonirli senza limitarne per ora la loro libertà. 

L’avvertimento

Una sorta di cartellino giallo adottato per la grande risonanza mediatica e lo scalpore suscitato nell’opinione pubblica da quel blitz vandalico avvenuto la notte di Natale vicino alle scale mobili del Tiramisù. Della banda di cinque ragazzi tra i 18 e i 20 anni che era entrata in azione, furono denunciati in tre, quelli che materialmente avevano preso a spallate la colonnina contente il Dae che fu donato nel 2016 dal Rotary al Comune. L’avviso orale è stato ritenuto necessario perché i due giovani appena maggiorenni avevano già precedenti, anche penali. Stando alla polizia, entrambi fin da ragazzini si sono resi autori di violazioni della legge e in particolare di consumo di stupefacenti, manifestando inclinazione a comportamenti illegali ed in alcuni casi violenti. L’aumento delle baby gang che di sera, specie di sabato, creano baccano e degrado in centro storico, stanno spingendo i residenti a coordinarsi per presentare un esposto e limitare le situazioni di disagio sotto casa. 

L’allarme

Sabato scorso le scorribande, infarcite di urla, bestemmie e bivacchi, hanno riguardato gruppi anche di 200 ragazzini, con rissa sventata da un intervento dei carabinieri in corso Mazzini. Sollecitata dal sindaco Pugnaloni, la Prefettura ha convocato per stamattina un comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica nel quale affrontare il caso Osimo. «Il Prefetto Pellos si è dimostrato sensibile e tempestivo. I servizi interforze stanno dando risultati importanti, ma serve un ulteriore sforzo da parte di tutti, genitori compresi. Insieme contro il degrado, punire subito l’inciviltà», ha scritto il sindaco ieri su Facebook. Nel suo post ha pubblicato la foto della scalinata che scende dal mercato coperto alle grotte e oggetto di controlli anche sabato pomeriggio perché spesso luogo di bivacchi, ma anche di sospetti spacci di droga. «E’ la porta di accesso al centro di tanti turisti, va tutelata, serve rispetto e senso civico da parte dei giovani che stanno creando disagi nei weekend» ha aggiunto Pugnaloni.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA