Surfista disperso in mare. Il 17enne portato in salvo dopo un’ora e mezza. La Guardia costiera lo trova in un allevamento di cozze

Lunedì 2 Agosto 2021 di Roberto Senigalliesi
Surfista disperso in mare. Il 17enne portato in salvo dopo un ora e mezza. La Guardia costiera lo trova in un allevamento di cozze

ANCONA Brutta avventura, causa il forte vento, per un 17enne di Loreto sulle acque del Conero. Il ragazzo era partito assieme ad altri suoi coetanei dalla scuole di surf del Cavalluccio di Mare di Numana quando si è imbattuto in alcune raffiche di vento che l’hanno portato al largo. Mentre i suoi compagni sono riusciti a rientrare a riva il 17enne è stato trasportato dalle onde al largo. 

 

 
I soccorsi
Subito è scattato l’allarme ed è prontamente intervenuta la Capitaneria di Porto, dalle 13,45, con due motovedette per le ricerche in mare, il gommone della Croce Rossa di Numana per le ricerche sotto costa e due pattuglie terrestri della Guardia Costiera per il supporto via terra. Il ragazzo stato ritrovato alle 15,18 all’interno nella dell’impianto di mitilicoltura, a circa 2 miglia nautiche al largo di Sirolo. Era entrato nell’impianto e si era incagliato tra i filari che peraltro gli erano serviti per evitare di evitare di essere trascinato ancora più a largo. Fortunatamente indossava il giubbotto di salvataggio ed era ben protetto. Per lui solo un grande spavento e nessuna ferita. E’ stato preso a bordo di una Motovedetta, visitato dai sanitari della Croce Rossa e ricondotto al porto di Numana in buone condizioni e consegnato ai familiari. 


La baia 
La giornata era iniziata con una grande rivoltura che ha causato grande spavento, ripensando anche a quello che era successo a Falconara pochi giorni fa. A Portonovo il vento si è alzato all’improvviso attorno alle 8,30 quando già la baia iniziava ad animarsi di vacanzieri. «È stato un attimo- racconta Rolando, che frequenta abitualmente la spiaggia libera della torre-. Abbiamo visto ombrelloni volare assieme ad un sup in un amen». I danni maggiori alle strutture balneari allo stabilimento SpiaggiaBonetti dove sono andati distrutti almeno 10 ombrelloni da spiaggia ed uno grande davanti allo chalet. Alla Capannina, a terra la prima fila di ombrelloni, anche se senza particolari danni. Stesso discorso dalle parti del molo dove, oltre a qualche ombrellone danneggiato, non ci sono stati danni. Ma già alle 9,30 la situazione era rientrata nella normalità e la baia ha iniziato a riempirsi fino a toccare il tutto esaurito. 
Sia lungo le spiagge che nei parcheggi, a valle ed a monte. Grande traffico lungo la provinciale mentre il servizio di bus navetta ha filtrato l’accesso al mare con una corsa ogni 10’ dal parcheggio scambiatore alla piazzetta. Per quanto riguarda i controlli circa la regolarità delle presenze nelle spiagge libere, sono stati effettuati nelle prime ore del mattino da parte della Polizia Municipale e non ci sono state situazioni di criticità. Poche, questa volta, rispetto alle giornate precedenti, le multe per divieto di sosta. Appena una ventina, mattino e pomeriggio compresi. 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimo aggiornamento: 15:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA