Si accende una violenta lite in famiglia: ferite in una casa vacanze mamma e figlia

Si accende una violenta lite in famiglia: ferite in una casa vacanze mamma e figlia
Si accende una violenta lite in famiglia: ferite in una casa vacanze mamma e figlia
3 Minuti di Lettura
Sabato 20 Agosto 2022, 05:10

NUMANA  - Graffi, spintoni e anche qualche mobile danneggiato. Ha rischiato di degenerare la lite in famiglia che giovedì sera ha avuto come teatro una casa vacanze di Marcelli, affittata da un gruppo di turisti campani e situata a pochi passi dal lungomare. Il bilancio è di due persone rimaste ferite e affidate alle cure degli operatori del 118. Non sono gravi. Si tratta di madre e figlia, scappate a gambe levate dall’appartamento e rifugiatesi in un hotel sulla litoranea per chiamare i carabinieri, poi intervenuti per sedare la situazione insieme a un’ambulanza. 


A creare scompiglio, stando a quanto emerso, sarebbe stato il cognato/zio delle due donne rimaste leggermente ferite. La prognosi stilata per le lesioni non è così grave da far innescare d’ufficio un’indagine. Si procederà, dunque, solo con l’eventuale querela di parte delle persone offese. La lite domestica è scoppiata attorno all’ora di cena. E per i vicini di casa della famiglia di turisti è stato impossibile non udire urla e improperi. Tanto che al numero unico d’emergenza sono arrivate numerose chiamate per il baccano proveniente dall’appartamento dove, poi, sono effettivamente arrivati i carabinieri della Compagnia di Osimo. Sarebbero stati tre gli attori del litigio: un uomo, sua cognata e la figlia di quest’ultima. 


Stando a quanto emerso, ci sarebbero stati spintoni, graffi e oggetti lanciati. Per sganciarsi dal caos, mamma e figlia hanno abbandonato l’abitazione e hanno raggiunto un vicino hotel dal quale hanno chiamato i carabinieri. Arrivati sul posto, hanno fatto tornare sotto controllo gli animi ed eseguito tutti i rilievi del caso. A Marcelli è giunta anche un’ambulanza per vagliare le condizioni di salute delle due donne, rimaste leggermente ferite nel marasma del furibondo litigio familiare. Se lo dovessero ritenere opportuno, potranno sporgere querela per lesioni riportate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA