Montemarciano, quattro intrusioni in un pomeriggio: «Da noi è la terza volta»

Domenica 8 Dicembre 2019
Quattro intrusioni in un pomeriggio: «Da noi è la terza volta, viviamo nel panico»

MONTEMARCIANO - Faccia a faccia con i ladri in via Grugnaleto venerdì pomeriggio. Erano le 18 quando i proprietari hanno sentito il rumore di un vetro rotto provenire dalla camera da letto. Andando a verificare hanno trovato i ladri che avevano appena danneggiato la finestra per entrare. Per fortuna poi sono scappati, dopo averli visti. Sul posto sono intervenuti i carabinieri. Sarebbero almeno quattro gli episodi che si sono verificati nel pomeriggio di venerdì tra via Grugnaleto e Cassiano tra furti e tentativi, mentre altre segnalazioni sono arrivate da via Montespirello e via Oliveto nei pressi del cimitero.

LEGGI ANCHE:

Montemarciano, razziavano gli anziani nelle case di riposo: sgominata la banda

Montemarciano, la famiglia dorme: casa ripulita e bottino sull'auto appena rubata

«In un caso hanno fatto molti danni – racconta Francesco Albani, dell’Osservatorio sulla sicurezza - oltre ad aver rubato dell’oro, purtroppo hanno picchiato anche il cane. Risultano quattro gli episodi tra furti e tentativi oltre alle segnalazioni. Bisogna sempre farle alle forze dell’ordine». Numerose le testimonianze dei residenti lasciate sui social. «In via Montespirello, vicino al cimitero dell’Alberici mentre rientravamo a casa abbiamo visto due persone accovacciate in un fosso vicino la nostra abitazione – riporta una testimonianze - appena ci hanno visto sono scappati salendo su una Bmw grigia. Abbiamo segnalato tutto ai carabinieri, fate attenzione». Anche in un’altra abitazione hanno provato ad entrare mentre i proprietari erano in casa. «Ho sentito dei rumori ma non mi sono allarmata subito. Poi ho cominciato ad accendere le luci e chiamare mio marito, fortunatamente sono scappati. La finestra che dà sulla campagna era quasi aperta: è la terza volta». 
C’è poi la testimonianza di una donna in via Oliveto. «Sono rientrata a casa alle 18.50, vicino cimitero di Alberici erano in due in macchina. Hanno messo la freccia per girare nel mio passo ma come hanno visto aprire la portiera della mia macchina e mi hanno visto che mi accingevo a scendere sono ripartiti un po’ in fretta».

© RIPRODUZIONE RISERVATA