Il corriere le consegna un pacco ma lei non vuole pagare. Arrivano i Carabinieri e finisce nei guai anche per resistenza

Friday 29 May 2020
Il corriere le consegna un pacco ma lei non vuole pagare. Arrivano i Carabinieri e finisce nei guai anche per resistenza.
MONTEMARCIANO - Ieri mattina i Carabinieri della Stazione di Montemarciano hanno denunciato una donna per resistenza a pubblico ufficiale e rifiuto di fornire le proprie generalità.  La vicenda ha avuto inizio intorno alle 11:00, proprio dove si trova l’abitazione della donna, una cittadina marocchina, classe ’79, residente nel centro del Comune di Montemarciano. Al suo indirizzo era giunto un corriere, che doveva consegnarle un pacco, per il quale doveva essere corrisposta la somma di 70 euro. Al momento del ritiro però, la donna ha fatto uscire di casa una delle figlie minori, che ha preso il pacco ed è rientrata in casa, chiudendo la porta.

LEGGI ANCHE:

Ascoli, scappa di casa sotto la pioggia per sfuggire al marito violento

Il corriere ha suonato al citofono più volte per ricevere il pagamento previsto, ma la donna non ne ha voluto sapere di aprire e pagare. A quel punto il corriere ha chiesto l’intervento di una pattuglia dei Carabinieri, i quali sono subito giunti nei pressi dell’abitazione. A loro la donna ha finalmente aperto la porta, ma si è mostrata molto agitata e nervosa, e in un primo momento si è rifiutata di fornire le proprie generalità e consegnare un documento di riconoscimento ai militari. Inoltre ha impedito agli stessi di condurla in caserma per gli accertamenti del caso. Per circa mezzora i tentativi di dialogo sono andati avanti, ma la donna ha continuato ad opporsi all’operato dei militari, rivolgendosi a loro con toni molto accesi. Solo in seguito si è calmata e ha collaborato, fornendo i propri documenti e recandosi in caserma per gli ulteriori accertamenti. Una volta giunta presso la Stazione di Montemarciano, le è stato notificato il verbale di elezione di domicilio, in quanto indagata per i reati di resistenza a pubblico ufficiale e per rifiuto di fornire indicazioni sulla propria identità. E’ stata quindi denunciata alla Procura della Repubblica di Ancona.
Al termine della vicenda la somma di 70 euro non è stata pagata, poiché la donna, attualmente disoccupata, ha riferito di non avere la somma richiesta. Il corriere si è riservato di sporgere querela in un momento successivo. © RIPRODUZIONE RISERVATA