Monte San Vito, tornano i ladri
ma trovano il titolare e un operaio

Sui raid dei ladri alla Idromarche Team indagano i carabinieri
Sui raid dei ladri alla Idromarche Team indagano i carabinieri
2 Minuti di Lettura
- Ultimo aggiornamento: 12 Marzo, 05:30
MONTE SAN VITO - Dopo 24 ore dal furto sono tornati i ladri alla "Idromarche Team srl", l'azienda produttrice di macchinari per la pulizia stradale con sede lungo la strada Statale 76. Un colpo rimasto solo tentato, ma non per fortuna quanto per il coraggio del proprietario Ernesto Sopranzetti e di un dipendente, che hanno dormito all'interno dello stabilimento.
I due hanno visto i ladri scavalcare il recinto per cercare di entrare nel capannone. I malviventi avevano fatto irruzione già 24 ore prima, ora non credevano ai loro occhi.
Hanno urlato, li hanno inseguiti e i malviventi, presi in contropiede, non hanno potuto fare altro che scappare senza rubare nulla. Doveva essere un colpo su commissione quello della notte tra giovedì e ieri, verso le 3, sotto una pioggia battente. Lo ipotizzano i carabinieri di Jesi che hanno in mano le indagini, ma lo temono anche i proprietari della Idromarche, perché già nella notte antecedente ignoti - forse proprio gli stessi - erano entrati nel capannone compiendo un'effrazione al cancello e avevano rubato due idropulitrici e del denaro in cassa (per un bottino di 5000 euro coperto da assicurazione, ma procurando un danno da oltre 10.000 euro). Ma avevano perso del tempo per distruggere l'impianto di allarme, che era scattato facendo convergere i proprietari sul posto. "Hanno perso alcuni minuti per mettere fuori uso l'allarme, mentre potevano lasciarlo suonare e preoccuparsi di accumulare bottino - spiega Ernesto Sopranzetti - invece no. Quindi avevano ben in mente di tornare. Solo che non pensavamo che lo avrebbero fatto così presto".
© RIPRODUZIONE RISERVATA