Torna il sole, il livello del Misa scende ma il maltempo presenta il conto: frane ed esondazioni. Forti disagi anche nel Pesarese

Senigallia, il fiume Misa fa paura: «Salite ai piani alti». Chiuse due strade, centro commerciale e supermercati
Senigallia, il fiume Misa fa paura: «Salite ai piani alti». Chiuse due strade, centro commerciale e supermercati
14 Minuti di Lettura
Lunedì 23 Gennaio 2023, 06:43 - Ultimo aggiornamento: 22:54

SENIGALLIA - «Salite ai piani alti». È stata l'esortazione della protezione civile di Senigallia dopo una notte di apprensione, l'ennesima degli ultimi mesi, per il fiume Misa a causa della pioggia incessante caduta da ieri e con il Centro di accoglienza in via Cellini aperto per le persone che non avevano la possibilità di  mettersi in sicurezza. 

Finalmente, intorno alle 14, il livello del fiume Misa ha iniziato ad abbassarsi sensibilmente. La viabilità delle arterie stradali precedentemente chiuse in adozione delle misure di prevenzione è stata ripristinata. Tutte le attività sono così riprese regolarmente: gli esercizi commerciali, la Biblioteca Antonelliana, gli impianti sportivi comunali, i luoghi della cultura e l'ufficio postale. Il Comune aveva disposto la chiusura dello Stradone Misa e della strada che collega Bettolelle a Brugnetto. Chiusi in via precauzionale il Centro commerciale Conad in via Abbagnano, il supermercto MD, il Sì con te e Amico Market. Era stato chiuso fino alle 10 anche l'ufficio postale di via Fratelli Bandiera e il Distretto Sanitario di Via Campo Boario.

22.50 Pesaro Capitale Italiana della Cultura, rinviato l'incontro con i sindaci

L'ondata di maltempo che ha colpito le Marche, Pesaro inclusa, ha determinato qualche variazione nell'appuntamento di domani legato alle iniziative per Pesaro Capitale Italiana della Cultura 2024: Alle 14:30 è confermato l'incontro con gli stakeholder della comunità al Teatro Sperimentale, aperto a tutti i cittadini interessati. Ci saranno Daniele Vimini vicesindaco e assessore alla Bellezza, e Agostino Riitano, direttore della candidatura di Pesaro a Capitale della Cultura 2024. Viene invece rimandato al 7 febbraio l'incontro con i sindaci del territorio, in programma a Palazzo Ducale alle 17:00.

21.40 Situazione quasi normalizzata: 300 interventi dei vigili del fuoco nel pesarese

Nelle Marche colpite da un'ondata di maltempo con pioggia, neve nell'entroterra e mareggiate, la situazione si sta normalizzando. È stata ripristinata la viabilità nel territorio della provincia di Macerata dove ci sono state frane e una slavina. La situazione più critica in provincia di Pesaro Urbino, dove i vigili del fuoco hanno effettuato circa 300 interventi per allagamenti, piante e rami caduti, neve. Non nevica più e ha smesso di piovere: si spera che non riprenda e che la neve non si sciolga, perché la terra non è in grado di assorbire altra acqua.

19.15 Anziano isolato dalla neve, i carabinieri portano il pane

I carabinieri portano il pane ad un anziano isolato per la neve: lo sguardo commosso e sorpreso del signore alla vista dei militari ed il suo successivo grazie sono state le migliori ricompense possibili per la benemerita. L’abbondante nevicata che ha colpito i monti Sibillini ha reso estremamente difficile i collegamenti soprattutto per la popolazione più anziana.

18.10 Acquaroli: «Rischio idrogeologico, fare interventi non solo su Misa e Nevola»

Il governatore Acquaroli ha evidenziato come sul fronte della prevenzione si debbano «fare gli interventi necessari per la messa in sicurezza e l'innalzamento del livello di mitigazione del rischio idrogeologico per quello che concerne il Misa e il Nevola» e non soltanto per questi due corsi d'acqua, ha concluso, «perché vi ricordo, mi ricordo, che l'allerta è molto più ampia in questo caso anche perché le piogge e la neve molto copiosi negli ultimi giorni, ci inducono ad un livello di attenzione elevato in gran parte della nostra regione»

18.00 Strade devastate dal maltempo ad Ancona, oltre 100 interventi per la sicurezza

Operai e i tecnici del Comune di Ancona al lavoro da venerdì pomeriggio per la messa in sicurezza delle strade, ridotte un cumulo di buche e asfalto in briciole, dopo l'ondata di maltempo che ha colpito il territorio comunale. A partire dalle 22 di giovedì 19 gennaio, ha spiegato una nota dell'amministrazione, si è proceduto con la salatura di alcune delle principali arterie cittadine. Oltre cento gli interventi nelle varie zone di Ancona.

17.42 Treia, chiesto lo stato di calamità naturale

Treia, strada invasa dal fango

Dopo ore di incessante lavoro, fin dalle prime ore del giorno, la situazione sul territorio treiese è stata ristabilizzata ed è stato ripristinato il transito su tutte le strade. Questa notte è caduta una quantità d’acqua enorme, che ha provocato una serie di frane molto importanti, smottamenti e allagamenti. Interessate dalle frane anche le due provinciali la SP 128 e la Provinciale Romana che hanno registrato due frane di grandi dimensioni. Gli operai e i mezzi provinciali hanno da poco riaperto al traffico le due arterie.

Anche gli operai comunali, sono operativi da questa mattina presto, coadiuvati da mezzi e personale di ditte esterne hanno riportato alla normalità una decina di tratti stradali comunali e interpoderali che manifestavano sistemi franosi abbastanza consistenti e che avevano trascinato sulle stesse sedi anche alberi e arbusti. «Così come accaduto a settembre – spiega il sindaco Franco Capponi - sono stati fenomeni mai verificatisi e, per la grande quantità di acqua caduta e sversata dai campi, i ponti non sono riusciti a far passare tutta questa massa, anche se liberi da alberi, tronchi e ramaglie intraversate, segnalando che la sezione dei ponti non è più adeguata a quanto questo fenomeno, legati ai cambiamenti climatici, si sta sempre più spesso manifestando. In molte situazioni, come alcune foto dimostrano, l’acqua ha tracimato sopra la carreggiata del ponte. Sarà richiesto lo stato di calamità e penso che anche altri Comuni e la Provincia facciano lo stesso».

17.40 Frane e danneggiamenti all'interno della provincia di Pesaro e Urbino

Tantissime le piccole frane segnalate in provincia di Pesaro e Urbino, nessuna però danneggia o ostruisce al momento la viabilità. I due smottamenti più importanti si sono verificati a Montegaudio e Urbania. Crollato, a causa delle precipitazioni e vento, a Macerata Feltria il tetto di un allevamento poecore. Da quantificare ancora danni ed eventuali animali feriti o deceduti. Vigili del fuoco sul posto.

17.28 Famiglia evacuata a Pesaro

I vigili del fuoco di Pesaro hanno evacuto una famiglia (con un disabile) residente in via dei Pioppi, vicino all'autostrada. Il rischio è che il fiume Foglia possa arrivare nella notte all'abitazione. Chiuse via Gradara e il sottopasso di via Acquabona.

16.20 Misa regolare, domani scuole aperte

Domani, martedì 24 gennaio 2023, le lezioni scolastiche si svolgeranno regolarmente a Senigallia. Il sindaco Massimo Olivetti ringrazia i cittadini per la comprensione dimostrata in questi due ultimi giorni. Un ringraziamento alle Forze di Polizia, ai VVFF, alla Croce Rossa, alla Caritas , ai Volontari ed i dipendenti comunali che hanno saputo, come sempre, affrontare le criticità con professionalità e dedizione

16.15 Riaperta la stazione autostradale di Pesaro

Riaperto il casello di Pesaro anche se, per il traffico autostradale in direzione Pesaro, permane l'avvertimento: possibili allagamenti all'uscita di Pesaro.

15.10 Circolazione ok in direzione Foligno

Ripristinata la circolazione in direzione Foligno per le autovetture e veicoli leggeri. I mezzi pesanti vengono invece filtrati allo svincolo di Tolentino Zona Industriale.

14.45 Riaperta la stazione di Senigallia. Ancora parzialmente chiusa quella di Pesaro

Sulla A14 Bologna-Taranto è stata riaperta la stazione di Senigallia, precedentemente chiusa in via preventiva a causa del raggiungimento dei livelli critici del fiume Misa. Resta chiuso per lo stesso motivo lo svincolo di Pesaro-Urbino, in entrata per chi è diretto verso Ancona e in uscita per chi proviene da Ancona.

14.10 - Fiume Esino esondato ma le abitazioni sono salve

Lo comunica la Protezione Civile Marche attraverso i propri social pubblicando alcune foto

Ore 14.06 - il sindaco di Pesaro Ricci: «Situazione ancora critica»

 

Ore 13.50 - Disagi alla circolazione ad Urbino nei pressi delle scalette di San Bartolo

Frana a Urbino, in Via dei Morti nei pressi delle scalette di San Bartolo, che sta creando diversi disagi alla circolazione già messa a dura prova dal maltempo. Liberate anche due auto che erano rimaste intrappolate. La situazione meteo evolve in miglioramento, per cui domani 24 gennaio 2023 le scuole di tutto il territorio comunale torneranno alle normali attività.

Ore 13.42 - «Attenzione alle fake news: la diga di Mercatale non sta esondando». Lo conferma l'assessore

Bisogna anche stare attenti a gestire le fake news che si moltiplicano in simili contesti. In questo senso, l'assessore Enzo Belloni ha smentito categorimente un audio che stava girando su molti social circa la presunta esondazione della diga di Mercatale mandando la popolazione nel panico. 

Ore 13.30 - Chiuse le Provinciali 66 e 120 per una slavina a Sarnano

 

Una slavina nel prime ore di questa mattina si è abbattuta lungo la Provinciale 120 Sarnano-Sassotetto-Bolognola, in località Passo del lupo. La strada è attualmente chiusa al traffico, ma gli operai della Provincia e i tecnici delle ditte incaricate sono sul posto da diverse ore per ripristinare il transito in sicurezza nel più breve tempo possibile. «Non appena è arrivata la segnalazione – spiega il presidente della Provincia, Sandro Parcaroli – i tecnici dell’Ente si sono mossi, insieme a quelli delle ditte incaricate secondo quanto previsto dal Piano neve, per intervenire sulla strada e provvedere allo sgombero della tanta neve che si è accumulata in queste ore. Diversi anche gli interventi in corso nella fascia montana e collinare e tutto il personale tecnico della Provincia sta lavorando per rimuovere i tanti alberi caduti a causa della neve che, essendo molto carica d’acqua e quindi piuttosto pesante, sta spezzando molti rami». Chiusa da questa mattina (e fino all’emissione di una nuova ordinanza) anche la Provinciale 66/2 “Macereto-Braccio S. Ilario” dal km 4+200 (dal centro abitato Cupi di Visso) al km 9+700 (intersezione con la Provinciale 115 “S. Ilario”) per il rischio slavina. 

Nel Maceratese, inoltre, la pioggia ha creato disagi nel territorio di San Severino Marche: frane sulle strade per le frazioni di Orpiana e Serrone Valle. Ostruito dalla caduta di un albero in strada, il collegamento con frazione Gaglianvecchio. Per raggiungere l'abitato, utilizzata una strada bianca. Diverse chiamate all'ufficio Manutenzioni Comunale intervenuto con operai, mezzi e l'ausilio di ditte private.

Ore 13.23 - Ancora strade bloccate per precauzione

Il torrente Ventena nell'abitato di San Giovanni in Marignano - al confine di Marche ed Emilia-Romagna, dove la Protezione Civile ha sbarrato la via per precauzione (foto Amato Bellante)

Ore 13.00 - Il cielo si rasserena, ma arriva un nuovo allerta meteo

Ha smesso di piovere e squarci di azzurro sono apparsi nei cieli dell'Anconetano e del Pesarese, dove però proccupano ancora le piene dei fiumi. Intanto la Protezione civile ha emenato un nuovo allerta meteo giallo per ciriticità idraulica ed idrogeologica.

Ore 12.35 - Terremotati sotto le neve nel cratere

 Sommerse dalla neve Le casette Sae dei terremotati del Maceratese. A Visso, Ussita, Castelsaltangelo sul Nera, Pieve Torina, Muccia e Camerino, nei viali delle abitazioni provvisorie ci sono anche 80 centimetri di neve.

Ore 12 - Senigallia: «Due ore per il delfusso della piena»

Il picco di piena del Misa è arrivato a Senigallia. "La piena - spiega il Comune - sta interessando il tratto di fiume che attraversa la città. Il decorso è molto lento e stabile. Saranno necessarie almeno due ore affinchè il deflusso riesca a riportare il livello idrometrico del fiume Misa nei limiti di sicurezza".

Il picco di piena sta interessando il tratto di fiume che attraversa la città. Il decorso è molto lento e stabile....

Pubblicato da Comune di Senigallia su Lunedì 23 gennaio 2023

Ore 11.52: chiusa la SS360 Arceviese per la piena del fiume Misa

 

La strada statale 360 “Arceviese” è temporaneamente chiusa tra Casine di Ostra e Senigallia a causa della piena del fiume Mise. Il transito dei residenti è consentito con indicazioni sul posto. Il personale Anas è sul posto al fine di ripristinare la circolazione appena possibile, compatibilmente con l’evolversi delle condizioni meteo. A Senigallia allagata via Adige. Già nove persone accolte nel centro per sfollati allestito dalla Caritas.

 

Ore 11.30 - il Cesano straripa nei campi 

Nel Senigalliese i fossi a monte e il fiume Cesano, che corre parallelamente a nord del Nevola e del Misa, sono straripati in alcuni punti nei campi, in particolare in zona Ponte Rio tra Trecastelli e Castelvecchio, a pochissimi chilometri da Senigallia, vicino alla Pergolese. 

Ore 11.10 - Chiusa la Statale 77 a Muccia

Sulla strada statale 77 “della Val di Chienti” la carreggiata in direzione Foligno è temporaneamente chiusa tra Caccamo e Muccia a causa di mezzi pesanti intraversati. Le squadre Anas sono sul posto per ripristinare la circolazione prima possibile.
Sulla carreggiata in direzione Civitanova Marche si registrano rallentamenti per nevicate intense e mezzi sgombraneve in azione

Ore 11 - Esondato l'Arzilla a Cartoceto

Il torrete Arzilla è esondato a Cartoceto. A finire di nuovo sott'acqua è stato il risorante Ciavarini

Ore 10.40 - Prosegue il monitoraggio del Fiume Misa 

Squadre di Vigili del fuoco impegnate a Senigallia per il monitoraggio del livello del fiume Misa: prevista ondata di piena stamattina. Rinforzato il dispositivo di soccorso provinciale

Ore 10.30 - Senigallia: "Piena del Misa nella prossima ora"


Nella prossima ora il picco della piena inizierà a raggiungere il tratto del fiume che attraversa la città . Si raccomanda nuovamente di evitare gli spostamenti e di salire ai piani alti.
Per eventuali aggiornamenti i cittadini sono invitati a informarsi e a seguire il sito ufficiale della Protezione Civile di Senigallia www.protezionecivilesenigallia.it ; la pagina Facebook dell’Ente; gli organi di informazione, in particolare, i portali locali www.viveresenigallia.it e www.senigallianotizie.it; le frequenze delle radio locali Radio Velluto (99.6) Radio Arancia (92.6 o 103.e Radio Duomo (95.2).

 

Nella prossima ora il picco della piena inizierà a raggiungere il tratto del fiume che attraversa la città . Si...

Pubblicato da Comune di Senigallia su Lunedì 23 gennaio 2023

Ore 10.20 San Severino, albero cade in strada

A San Severino Marche si registrano frane sulle strade per le frazioni di Orpiana e Serrone Valle. In mattinata ostruito, dalla caduta di un albero sulla sede stradale, il collegamento con la frazione di Gaglianvecchio. Per raggiungere l’abitato ci si è dovuti servire di una strada bianca. Fango e acqua su diverse strade, in particolare sulla provinciale 127 per Tolentino, all’altezza dell’abitato di Colotto, e sulla statale 361 “Septempedana”, tra Santa Maria della Pieve e Taccoli. Intanto il fiume Potenza resta osservato speciale.

Ore 10.10 - Esonda il Foglia, evacuata la Ifi

Nel Pesarese segnalate criticità nella zona industriale: il Foglia sarebbe esondato nella zona industriale, evacuata la Ifi in via Fornace Vecchia.

Video

Ore 10.00 - "Il Misa sale, state in casa"

Il Cmune di Senigallia ha invitato i cittadini a rimanere in casa fino alla fine dell'emergenza:

Il livello del fiume Misa sta ancora salendo. Evitare gli spostamenti per almeno tre ore. Prestare molta attenzione, restare in casa e portarsi ai piani alti. Nella zona del quartiere Saline è presente acqua sulla carreggiata. Fare attenzione.

Ore 9.50 - Tir fermi nella neve, Statale 76 bloccata

Cinque mezzi pesanti si sono intraversati sulla carreggiata a causa della nevicata all'altezza del Valico di Fossato di Vico (Perugia), al confine fra Marche e Umbria, nel tratto di Strada Statale 76 di competenza di Fabriano (Ancona). Traffico completamente bloccato, ma solo in direzione Umbria, per circa 10-15 minuti. 

Ore 9.40 - chiusi casello A14 e Statale 16


"Predisposta la chiusura - comunica il Comune di Senigallia - della S.S.16 da Via Zanella alla rotatoria del Ciarnin.
Per chi proviene da sud, all'altezza della rotatoria del Ciarnin, il traffico è deviato sulla complanare.
Per chi proviene da nord, all'altezza della rotatoria di Via Berardinelli, il traffico è deviato sulla complanare.
Chiuso il Ponte Portone e chiuso Viale Leopardi.
La strada Provinciale Arceviese è chiusa nel tratto ricompreso nel Comune di Senigallia.
Il casello autostradale sia in entrata che in uscita è chiuso.
Per raggiungerre l'ospedale si consiglia il percorso alternativo della complanare.
Per raggiungere le località interne utilizzare la strada Provinciale Corinaldese.
 

Ore 9.20 - Nevola oltre le soglie d'allarme a Trecastelli

Il Comune di Trecastelli chiede ai cittadini di salire ai piani alti per il superamento dei livelli d'allarme del torrente Nevola

Ore 9.10 - Strade allagate a Filottrano

"Causa pioggia - comunica il gruppo di Protezione civile di Filottrano -, Via Gamberara e Via San Giuliano chiuse, Marinuccia e San Polo aperte ma allagate, usare massima attenzione, anche per tutta via Fiumicello, ci sono diverse zone con pozzanghere d'acqua".

Ore 9.00 - Scuola chiusa ad Ascoli

A causa del maltempo si è verificato un guasto elettrico alla scuola di Poggio di Bretta. Per questo motivo il sindaco di Ascoli Piceno Marco Fioravanti ha ordinato per oggi la sospensione dell'attività scolastica.

Ore 8.30 - Spaventa anche il Metauro

Il maltempo ha colpito anche il pesarese: segnalate criticità a Fermignano, dove il Meaturo avrebbe superato gli argini in diversi punti. Il Comune ha comunicato la chiusura di via Falasconi per allagamento.

 

Aggiornamenti dal maceratese 

All’allerta meteo è seguita tantissima pioggia per tutta la notte causando allagamenti in più punti del territorio. Da questa mattina sono operativi i dipendenti comunali e i volontari della protezione civile con il supporto di ditte esterne che dispongono di mezzi necessari a ripulire le strade dal fango. Anche il livello del fiume Potenza è a livelli di guardia e si sono stanno già avvisando i residenti di via Tasso e di Piane di Potenza a prestare la massima attenzione. 

Il Comune di Trecastelli ha chiuso in via precauzionale l'ultimo tratto di via Vallisce al confine con il comune di Corinaldo: «Sta proseguendo l'attività di monitoraggio dei fiumi e dei fossi del territorio comunale.
La pioggia cade con regolare continuità e consente, seppur lentamente, il deflusso dell'acqua.
Il livello del fiume Nevola, seppur in aumento, non presenta criticità. In via precauzionale è stata disposta la chiusura dell'ultimo tratto di Via Vallisce al confine con il comune di Corinaldo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA