Mazzi di fiori, intimo e riti vodoo, la corte morbosa al fisioterapista

Venerdì 30 Ottobre 2020 di Stefano Rispoli
Mazzi di fiori, intimo e riti vodoo, la corte morbosa al fisioterapista

ANCONA  - Dai mazzi di rose ai riti vodoo. Colpa di un’infatuazione nata su un lettino e finita in tribunale. Per quei massaggi avrebbe perso la testa la 50enne falconarese a processo per aver stalkerizzato il fisioterapista e la compagna di lui. Insieme l’accusano di aver trasformato la loro vita in un inferno nel 2017.

 

 

«E’ stata durissima, ci tormentava: sapeva tutto di noi, avevamo paura e io non riuscivo più a lavorare» ha ripetuto in aula il professionista mentre guardava l’imputata (difesa dagli avvocati Matteo Bettin e Alberto Bordoni) che nega tutto e parlerà nell’udienza dell’11 febbraio. In 3 ore di deposizione il fisioterapista ha riassunto 5 mesi da incubo: l’apice la notte del 19 luglio, quando un ladro tentò di entrare nella sua villa, portandosi via una telecamera esterna. Due d’ore dopo qualcuno diede fuoco a due botti all’ingresso della tenuta agricola della fidanzata. Secondo la coppia, assistita dagli avvocati Settimio Honorati e Roberta Dardani, dietro il doppio blitz c’è la mano di un 40enne rom, ritenuto il complice assoldato dalla donna. Pure l’uomo (difeso dall’avvocato Nicoletta Pelinga) è a processo, anche se solo per il furto, per ora: è stato immortalato dalla spycam che ha manomesso.

 

«Con lui c’era la donna che l’ha ingaggiato, erano insieme» sostiene l’accusa, basandosi su tabulati e celle telefoniche. Il sospetto, tutto da dimostrare, è che su commissione abbia anche appiccato l’incendio nella tenuta agricola, attorno alle 5 della stessa notte, ma qui l’unica prova è un’auto scura ripresa da una telecamera. Il motivo? Un’infatuazione morbosa, è convinto il fisioterapista, prima corteggiato con mazzi di fiori lasciati a casa o in auto, poi con decine di lettere anonime, dense di zizzania per allontanarlo dalla fidanzata, con foto che la ritraevano con altri uomini: «La vedi? E’ una poco di buono, non fa per te». E poi le missive di una presunta fattucchiera che, per le vittime, era sempre la stalker, con biancheria intima tagliuzzata e inquietanti croci rosse sugli indumenti della coppia, tipo riti vodoo, forse rubati dalla loro auto e spediti a casa. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA