Maxi rissa, ancora paura al pronto soccorso. Il personale: «Situazioni assurde, dateci sicurezza»

Domenica 26 Gennaio 2020
Maxi rissa, paura al pronto soccorso Il personale: «Basta, dateci sicurezza»

SENIGALLIA - Scoppia la rissa fuori dal pronto soccorso e prosegue all’interno, generando il panico tra i pazienti in attesa di essere medicati e il personale. Ad arrivare alle mani sono stati i componenti di due famiglie. Ciascuna aveva un assistito al pronto soccorso. Si sono incontrati nei giorni scorsi casualmente e sono riemerse vecchie acredini. Hanno iniziato ad insultarsi per poi passare alle mani. Si è risolto tutto senza feriti ma con grande spavento. All’arrivo delle forze dell’ordine i presenti erano riusciti a separare tutti i litiganti. Un grave episodio, non l’unico purtroppo, che per i delegati Rsu della Fp Cgil, conferma i rischi a cui sono esposti sia il personale che i pazienti stessi.

«Continuano gli episodi di aggressione al pronto soccorso, con una delle maggiori criticità all’ospedale di Senigallia, dove da troppo tempo rimangono inascoltate le segnalazioni della FP Cgil e della Rsu, a proposito della postazione triage non a norma per quanto concerne la sicurezza». Lo sostengono i delegati Rsu per la FP Cgil dell’Area Vasta 2, Nadia Manuali per l’ospedale di Senigallia e Giacomo Mancinelli per quello di Jesi. 

«Di questo problema è al corrente anche il sindaco Mangialardi, che ci aveva incontrato lo scorso anno – aggiungono -. Per questo, ora, vista la convocazione aziendale del tavolo tecnico dell’Area Vasta 2, confidiamo che i problemi segnalati vengano affrontati, a cominciare dal al pronto soccorso di Senigallia che presenta anche una grave carenza di personale assistenziale, infermieristico e di supporto, oltre che medico». Da anni si attende una porta per chiudere il triage ed evitare che la gente possa arrivarefino alle medicherie. Mancano quattro medici oltre agli operatori sanitari. «Si spera – concludono - che i tavoli, dov’è in corso la modifica dei tetti di spesa del personale, sortiscano un incremento dell’organico e la risoluzione dei problemi di sicurezza».

© RIPRODUZIONE RISERVATA