Maturità, esame per 4.278 studenti. I dirigenti non fanno sconti: ​«Sarà una prova seria»

Martedì 15 Giugno 2021 di Michele Rocchetti
L'esame di maturità in un'immagine di archivio

ANCONA - Sono oltre 4 mila, più precisamente 4.278 (4.111 delle scuole statali, 86 delle paritarie e 81 esterni), gli studenti della provincia di Ancona che a partire da domani saranno chiamati ad affrontare l’esame di maturità. A differenza dell’anno scorso, non si tratta però di tutti gli alunni che hanno frequentato le classi quinte degli istituti superiori.

LEGGI ANCHE:

Allarme incendio sul monte Conero, brucia la vegetazione: sul posto i vigili del fuoco con quattro mezzi

Varianti Covid, domande e risposte: ​quali le più contagiose, cosa sappiamo e come proteggerci

 

Questa volta, infatti, era possibile bocciare, e se comunque le percentuali sono state bassissime, quasi tutte le scuole hanno avuto qualche non ammesso. 


Il test calibrato
«Da noi sono tre – fa sapere il dirigente del Vanvitelli-Stracca-Angelini, Francesco Savore -, che non è zero, ma è comunque una percentuale irrisoria. Del resto, eliminato il blocco delle bocciature, era normale che accadesse. Abbiamo tutti tenuto conto dell’anno difficile, ma benché difficile, è stato un anno serio. Le lezioni, anche se in parte in didattica a distanza, sono state portate avanti seriamente. Però la dad ha allargato la forbice tra i bravi, che non hanno sofferto più di tanto, e i ragazzi più in difficoltà. Alla fine, purtroppo, qualcuno non ce l’ha fatta». E per chi invece ce l’ha fatta, che esame sarà? «Dal momento che è un esame calibrato su un anno così complicato, avrà la stessa difficoltà degli altri anni – sostiene Savore -. In valore assoluto è meno difficile, ma lo è ugualmente se rapportato ai problemi che hanno avuto gli studenti». 


Niente figuracce
Studenti che la preside del liceo scientifico Galilei, Annarita Durantini vede giustamente preoccupati: «Anche se si stanno preparando con serietà e determinazione, c’è in tutti un po’ d’ansia. E questo è normale. Perché l’esame di Stato è un momento importante della propria vita e i ragazzi ci tengono a fare bella figura». La dirigente nega invece che l’ansia possa derivare dal timore di non aver avuto una sufficiente preparazione: «Io sono la prima a dire che la dad ha inciso su tanti aspetti , ma non sul programma svolto. E poi gli studenti sanno che la commissione è composta dai loro professori, che mai chiederanno argomenti che non sono stati affrontati nel corso delle lezioni». 


Per il preside dell’artistico Mannucci, Francesco Maria Orsolini: «la dad ha evidentemente amplificato il disagio di chi partiva da condizioni di svantaggio, ma non ci sono situazioni così critiche da mettere a priori a repentaglio il superamento dell’esame». Da tale punto di vista i ragazzi sono perciò relativamente tranquilli. Come lo sono anche da quello dell’emergenza Covid. «Tolto che molti di essi hanno aderito alla campagna vaccinale – osserva Durantini -, in questo momento pensano più che altro all’esame. Del resto se le scuole erano sicure prima, adesso lo sono ancora di più». Al Vanvitelli-Stracca-Angelini, per dire, nell’ultimo mese non ci sono state classi in quarantena, e ora che la scuola è vuota, le possibilità di contrarre il virus durante l’esame sono infinitesimali. 
Mascherine e gel
«Certo, tutto può accadere, perché la pandemia non è conclusa – dice Savore – ma a livello organizzativo mi sento abbastanza sicuro. Di mascherine e igienizzanti ne abbiamo a iosa, ci siamo dotati di termoscanner che verranno posizionati agli ingressi e le commissioni prenderanno posto in aule molto grandi. Dove prima stavano in 25 ora troveranno posto in 11». Al Mannucci i problemi di spazio sono talmente irrilevanti, che per scegliere le aule si è pensato più che altro alla loro esposizione al sole. Per quanto invece riguarda i vaccini, Orsolini riflette amaramente: «Dovevano contribuire a dare ai maturandi un pizzico di tranquillità in più, invece alla luce delle ultime notizie di cronaca sono diventati fonte di preoccupazione».

Ultimo aggiornamento: 11:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA