Marzocca, resta chiuso fuori dalla stanza, caos in hotel e carabinieri aggrediti: arrestato

Marzocca, resta chiuso fuori dalla stanza, caos in hotel e carabinieri aggrediti: arrestato
Marzocca, resta chiuso fuori dalla stanza, caos in hotel e carabinieri aggrediti: arrestato
3 Minuti di Lettura
Lunedì 26 Settembre 2022, 08:25

MARZOCCA -  Resta chiuso fuori dalla stanza, caos in hotel e carabinieri aggrediti: arrestato. Si tratta di un 35enne residente in Abruzzo, che era ospite di una struttura ricettiva di Montemarciano. Ieri notte è uscito dalla stanza ed è rimasto chiuso fuori, senza la chiave. In reception non c era nessuno e l’uomo ha iniziato ad agitarsi, creando scompiglio tra gli ospiti dell’albergo.

Domani i funerali di Mattia Luconi, lutto cittadino a San Lorenzo in Campo. Oggi la camera mortuaria

Ha danneggiato alcuni oggetti presenti in reception e ha fatto confusione, tanto che gli altri ospiti spaventati ci hanno chiesto di intervenire. Quando sono arrivati i carabinieri l’uomo era in forte stato di agitazione. Una volta reperito un dipendente dell’hotel i carabinieri sono entrati in camera insieme all’uomo, e dentro la sua stanza hanno trovato un grinder per triturare la marijuana. Hanno deciso quindi di effettuare una perquisizione per la ricerca di droga. L’uomo ha opposto resistenza e ne è scaturita una colluttazione con un carabiniere, che poi ha riportato lesioni ad una spalla. Alla fine è stato bloccato e messo in sicurezza con l’ausilio anche di altri carabinieri intervenuti sul posto. Nella camera è stato trovato un barattolo in vetro con dentro circa 9 grammi di Marijuana, per uso personale, sottoposta a sequestro amministrativo. Per quest’ultimo fatto l’uomo è stato segnalato alla prefettura come assuntore di droga. Oltre ad essere arrestato per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale, dovrà rispondere anche dei reati di danneggiato e lesioni personali. Dopo l’arresto è stato condotto presso l’abitazione di un amico agli arresti domiciliari. stamattina si terrà l’udienza di convalida davanti al gip di Ancona.

© RIPRODUZIONE RISERVATA