L'onta del matrimonio annullato in Pakistan, porta in Italia la figlia di 15 anni e la rinchiude in casa per due anni: padre condannato a 2 anni

L'onta del matrimonio annullato, porta in Italia la figlia e la rinchiude in casa per due anni: padre condannato a 2 anni. Foto generica
L'onta del matrimonio annullato, porta in Italia la figlia e la rinchiude in casa per due anni: padre condannato a 2 anni. Foto generica
2 Minuti di Lettura
Venerdì 11 Novembre 2022, 19:18 - Ultimo aggiornamento: 19:19

ANCONA  - Non voleva subire l'onta del matrimonio della figlia saltato in Pakistan. Per questo l'aveva riportata in Italia, chiusa in casa per due anni, e ripetutamente umiliata, picchiata e minacciata. Un uomo di 48 anni, pachistano ma residente nella periferia di Senigallia, è stato condannato a due anni per maltrattamenti in famiglia e sequestro di persona, sua figlia, una ragazzina di 15 anni. 

Non le aveva fatto imparare l'italiano

La ragazzina era legata sentimentalmente a un giovane, nel suo Paese, e dovevano sposarsi ma lui avrebbe poi cambiato idea. La famiglia pakistana l'ha considerata una vergogna e per rimediare l'ha portata via, lontano, in Italia.   Il genitore, secondo l'accusa, non l'avrebbe iscritta a scuola, non le avrebbe permesso di imparare la lingua italiana, imponendole di frequentare solo donne adulte sue connazionali, facendole così pesare il matrimonio saltato.

Il padre si è definito «severo»

La 15enne avrebbe subito anche botte, pugni dietro la schiena, schiaffi e mani al collo. A novembre 2021 è riuscita ad uscire di casa da sola e ha denunciato ai carabinieri quanto avrebbe patito. Da lì è partita l'indagine coordinata dalla pm Irene Bilotta. Il collegio del tribunale, presieduto da Edi Ragaglia, ha condannato il padre (che ha sempre negato le accuse definendosi severo ma non violento) a due anni di carcere per maltrattamenti. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA