Bimbo picchiato e rapinato, bulli alle strette: al setaccio i filmati delle telecamere

Mercoledì 14 Luglio 2021 di Arianna Carini
Bimbo picchiato e rapinato, bulli alle strette: al setaccio i filmati delle telecamere

LORETO - Nuove telecamere di sorveglianza entro settembre, un bando al vaglio degli uffici comunali per la gestione della struttura ed indagini serrate per individuare subito i responsabili dell’episodio di bullismo avvenuto giovedì al parco di Montereale.

Identikit degli 11 ricoverati per Covid: dieci no-Vax, uno aveva ricevuto lo Sputnik. Un bimbo di un anno al Salesi

 

A una manciata di giorni dall’aggressione subita da un bambino di 11 anni di Loreto, schernito, picchiato e derubato da un gruppo di adolescenti dopo un banale litigio con una ragazzina più grande, non è tardata ad arrivare la risposta dell’Amministrazione comunale. Polizia Locale e carabinieri si sono confrontati ieri mattina con l’assessore alla Sicurezza Fabiola Principi che, dopo aver appreso la notizia, si è immediatamente attivata per far luce sull’accaduto, segnalato agli agenti di polizia ma non ancora denunciato dai genitori del minore. 
Una escalation di atti violenti che ha avuto inizio nel parco con il danneggiamento della bicicletta del bambino, per concludersi sotto la sua abitazione dopo il lancio di una grossa pietra che gli avrebbe sfiorato la schiena ed il furto del monopattino custodito nel garage, poi ritrovato in un dirupo. Al setaccio i filmati delle spycam comunali puntate nella zona. Strumenti utili nel coadiuvare le indagini, ma anche deterrenti contro la microcriminalità, che già nelle passate settimane avevano permesso di individuare gli autori degli atti vandalici compiuti ai danni degli spogliatoi all’interno del parco. Incastrati dai filmati del circuito di sorveglianza, i minori sono stati convocati in comando ed i genitori invitati a farsi carico del danno arrecato ai beni pubblici. 
L’assessore Principi annuncia che saranno piazzate ulteriori telecamere, le quali andranno ad aggiungersi a quelle già esistenti per un totale di oltre 70 dispositivi sull’intero territorio comunale. Il sopralluogo dei tecnici è stato già effettuato e dopo l’assestamento di bilancio si procederà alla loro installazione, prevista tra agosto e settembre. Nel frattempo, si stanno studiando i termini di un eventuale bando per l’affidamento della struttura in muratura interna al parco, così da riqualificare il servizio e garantire la presenza di occhi adulti, oltre a quella dei genitori che dovrebbero sempre accompagnare i minori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA