Falconara, ladro filmato in diretta mentre ruba nel capannone materiale d'acciaio: arrestato

Falconara, ladro filmato in diretta mentre ruba nel capannone materiale d'acciaio: arrestato
Falconara, ladro filmato in diretta mentre ruba nel capannone materiale d'acciaio: arrestato
di Gianluca Fenucci
3 Minuti di Lettura
Lunedì 5 Settembre 2022, 03:20

FALCONARA - Aveva già caricato su un furgone intestato al padre decine e decine di contenitori d’acciaio per rubarli da un magazzino di via del Consorzio a Falconara ma il ventinovenne ladro, originario della provincia di Foggia e residente nella zona di Pesaro, non aveva fatto i conti con il titolare del padiglione commerciale da cui stava trafugando i fusti.

Il titolare dell’azienda di autotrasporti, proprietario del capannone, infatti, sul suo cellulare stava ricevendo le immagini dell’impianto di videosorveglianza interno alla struttura ed aveva notato la sospetta presenza dell’uomo. 


L’arresto in flagranza


Erano le 14,30 di sabato scorso quando i carabinieri della compagnia di Ancona hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, il ventinovenne residente nella provincia di Pesaro, ritenuto responsabile del reato di furto aggravato.I militari falconaresi guidati dal tenente Giuseppe Esposito, che dal 1 settembre ha assunto il comando della tenenza al posto del ten. Michele Ognissanti, e della sezione radiomobile del Norm, anche con l’ausilio di un equipaggio del corpo di polizia locale di Falconara Marittima, erano intervenuti sulla base della segnalazione del proprietario del padiglione commerciale che, visionando sul proprio smartphone le immagini prodotte dall’impianto di videosorveglianza attivo all’esterno ed all’interno della propria struttura, aveva notato delle presenze sospette. 

L'intervento


I carabinieri sono intervenuti dopo pochi minuti nel magazzino di via del Consorzio ed hanno sorpreso il ventinovenne a ridosso della recinzione perimetrale del capannone. L’uomo originario della provincia di Foggia nel frattempo era riuscito a caricare su un autofurgone, che poi è risultato intestato al padre, una parte dei 78 contenitori in acciaio inox che erano custoditi all’interno del capannone, del valore complessivo stimato in oltre 2000 euro. I militari hanno immediatamente bloccato il giovane e si sono messi alla ricerca di eventuali altri complici nella zona limitrofa e nell’area industriale di Falconara: sembra probabile infatti probabile che il malfattore non possa aver agito da solo anche se le prime ricerche dei carabinieri non hanno dato esito immediato.Il ventinovenne è stato condotto presso la sede del comando provinciale dei carabinieri di Ancona per lo svolgimento di tutte le incombenze del caso: anche alla luce delle evidenze raccolte l’uomo è stato dichiarato in stato di arresto su disposizione della Procura della Repubblica del capoluogo dorico. 


Ai domiciliari


L’uomo si trova ora agli arresti domiciliari in attesa di essere giudicato con la formula del rito direttissimo; la refurtiva, che è stata interamente recuperata, è stata subito riconsegnata al legittimo proprietario. Oltre all’episodio di sabato scorso, in città l’attenzione è alta così come la preoccupazione dei cittadini anche per i tanti furti nelle abitazioni e di veicoli che si sono succeduti negli ultimi mesi. Qualche tempo fa nella zona dell’istituto Bignamini e dell’istituto Gerundini in pochi giorni erano sparite due automobili, entrambe di proprietà di donne falconaresi ed anche a Castelferretti recentemente c’era stata una sorta di razzia di motorini, biciclette ed era stata rubata un’auto Mercedes.

© RIPRODUZIONE RISERVATA