Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ladri di biciclette a Corinaldo: colpo lampo al Bike Service

Ladri di biciclette a Corinaldo: colpo lampo al Bike Service
Ladri di biciclette a Corinaldo: colpo lampo al Bike Service
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 26 Febbraio 2020, 07:40

CORINALDO  - Colpo lampo al Bike Service di Corinaldo dove i banditi, nonostante l’allarme ed il fumogeno, sono riusciti in una manciata di minuti a rubare dieci biciclette. Il bottino ammonta a 65mila euro. Il furto è avvenuto alle 21.20 di lunedì in via Nevola nel centro commerciale di Corinaldo. I ladri di biciclette, almeno tre, hanno prima sfondato la porta a vetri a colpi di mazza. Una volta creato un varco si sono introdotti nel negozio dove è scattato l’allarme, collegato ad un fumogeno che ha subito riempito in fretta il locale. Nonostante il fumo, che ha reso difficile muoversi dentro il negozio, i ladri sono riusciti comunque ad arraffare, quasi alla cieca, dieci biciclette di cui cinque mountain bike e cinque da corsa.

LEGGI ANCHE:

Tenta il furto di un mezzo d’opera sul lungomare. Il ladro scappa inseguito dagli operai.


I carabinieri sono arrivati in fretta sul posto ma i banditi si erano già dileguati. Dai filmati delle telecamere del negozio si vedono tre persone con volto coperto a bordo di un furgone bianco. Gli stessi quindi che hanno messo a segno il colpo per poi caricare la refurtiva sul mezzo prima di scappare. «Non so più come proteggermi – spiega Cristian Tarsi, titolare dell’attività – con l’allarme ed il fumogeno pensavo di stare al sicuro e invece, nonostante si siano attivati regolarmente, sono riusciti lo stesso a portare via dieci biciclette. Ho anche le telecamere, che dovrebbero fungere da deterrente, ma nemmeno quelle sono servite». Le biciclette all’interno del negozio non erano legate. «Non credevo ce ne fosse bisogno – prosegue il titolare - proprio perché il negozio era protetto e provvisto di tutto ciò che serve per prevenire i furti».

Un colpo da professionisti. «Sono stati velocissimi – prosegue Cristian Tarsi - perché cinque minuti dopo ero già li e c’erano anche i carabinieri ma dei ladri nessuna traccia». Sull’accaduto indagato i carabinieri della Compagnia di Senigallia, guidati dal capitano Francesca Romana Ruberto. I militari, dopo aver fatto un sopralluogo, hanno provveduto ad acquisire i filmati delle telecamere che hanno funzionato correttamente anche se i banditi avevano il volto travisato. Non è facile quindi risalire alla loro identità. Sapevano che sarebbero stati ripresi e si sono attrezzati. Non è escluso che nei giorni precedenti possano aver fatto un giro nei pressi del negozio, oppure che siano entrati fingendosi clienti, per studiare la location prima di agire.

Potrebbe trattarsi della stessa banda che nei giorni scorsi ha colpito ad Ancona ai danni di un altro negozio di biciclette. Anche questo infatti sembra un furto su commissione messo a segno da una banda specializzata in razzie di biciclette. «Potrebbero essere gli stessi – commenta il titolare – ma anche se non lo fossero sarebbero comunque loro colleghi, ben organizzati in questo genere di furti». Avevano un furgone bianco, ripreso dalle telecamere, in cui hanno caricato la refurtiva, ed hanno agito in fretta ben coordinati come se lo avessero fatto già chissà quante volte. Bike Service è un negozio specializzato nella vendita e riparazione di biciclette. Si occupa quindi sia della vendita di bici nuove che usate e fornisce inoltre assistenza, riparando qualsiasi tipo di bicicletta. Diversamente da altri furti messi a segno ai danni dei negozi di biciclette, avvenuti nel cuore della notte, in questo caso la banda ha agito di sera approfittando sicuramente dello scarso traffico del lunedì ma correndo il rischio che comunque qualcuno potesse passare non essendo notte fonda.

© RIPRODUZIONE RISERVATA