Ladre rom arrestate dopo un inseguimento: una è incinta di 6 mesi, serviva a raggirare le vittime

Con il pancione raggirava le vittime

Ladre rom arrestate dopo un inseguimento: una è incinta di 6 mesi, serviva a raggirare le vittime
Ladre rom arrestate dopo un inseguimento: una è incinta di 6 mesi, serviva a raggirare le vittime
di Giacomo Quattrini
4 Minuti di Lettura
Domenica 26 Giugno 2022, 01:25 - Ultimo aggiornamento: 27 Giugno, 18:37

OSIMO - Il Nucleo operativo radiomobile di Osimo mette a segno un altro duro colpo contro le bande di malviventi che raggirano e derubano gli anziani. Venerdì sera hanno arrestato in flagrante quattro donne tra i 46 e i 52 anni, tutte di origini rom e residenti nel Teramano, e tutte con precedenti, per un furto in appartamento.

Il blitz è stato compiuto a Civitanova Marche, dove i militari coordinati dal comandante della Compagnia di Osimo, Maggiore Luigi Ciccarelli, stavano seguendo da lontano, per non farsi notare, una Mercedes Classe A grigia che era stata segnalata a Osimo per alcuni movimenti sospetti. 


Le indagini 
Da giorni i carabinieri ricevevano telefonate da cittadini della Valmusone per la presenza di una donna dai capelli scuri che chiedeva strane informazioni bussando alle porte di diverse abitazioni. In alcuni casi riuscendo anche a entrare con una scusa, come la ricerca di un appartamento da affittare o comprare, e poi, con la complicità delle altre donne, avrebbero portato via gioielli e monili d’oro. Così era stato segnalato ad esempio a Loreto ma anche a Civitanova, dove venerdì sui social hanno raccontato di una donna con occhiali e capelli scuri che, dicendosi di Pesaro, chiedeva informazioni riguardo una casa da affittare ad agosto. Gli stessi carabinieri di Osimo stavano seguendo a debita distanza gli spostamenti della Mercedes, per capire se davvero si trattava di una banda di ladri. E l’intuizione era stata giusta, perché i militari hanno visto fermare l’auto lungo il corso principale di Civitanova e poco dopo uscire due donne da un palazzo e darsi velocemente alla fuga con la Mercedes. Ne è nato un breve inseguimento di qualche chilometro terminato lungo la statale Adriatica, nella prima periferia di Civitanova, dove i carabinieri del Norm di Osimo aiutati dai colleghi della locale stazione sono riusciti a fermare la Mercedes e fare le perquisizione.

A bordo c’erano quattro donne di 52, 50, 48 e 46 anni, quest’ultima in stato di gravidanza, anche piuttosto avanzata considerando il pancione ben visibile. A quanto pare sarebbe stata incinta di almeno 6 mesi e la sua presenza risultava molto utile alla banda di ladre per raggirare le vittime e passare come apparentemente innocue. Così era successo poco prima nella palazzina lungo il corso di Civitanova, dove una anziana aveva fatto entrare le ladre che l’avevano convinta ad aprire con la scusa di una casa da affittare in quell’immobile. Una volta dentro però erano riuscite a intrattenere l’anziana e al contempo rubarle gioielli e soldi in contanti, poi ritrovati sulla Mercedes e subito riconsegnati alla vittima che ha anche fatto il riconoscimento. 

Il provvedimento
Le quattro ladre sono state quindi arrestate in flagrante e condotte in tarda serata alla caserma di Osimo per le procedure del caso. In attesa dell’udienza di convalida al Tribunale di Macerata, le quattro sono finite ai domiciliari e riportare nelle rispettive residenze nel Teramano. Nel frattempo i carabinieri stanno approfondendo le indagini per capire se addebitare alla stessa banda le segnalazioni giunte nei giorni scorsi in Valmusone. Furti e tentati furti che si sommerebbero a quello compiuto e scoperto in flagrante venerdì sera a Civitanova.

© RIPRODUZIONE RISERVATA