La corsa in via Bovio interrotta
dal branco di venti cinghiali

Mercoledì 14 Agosto 2019
FABRIANO - «Sono andato a correre e mi sono imbattuto, in via Bovio, in un branco di oltre 20 cinghiali». Andrea Giombi, consigliere comunale Fabriano Progressista, denuncia quanto accaduto lunedì pomeriggio in una via del quartiere Piano a meno di un chilometro dai giardini pubblici, Regina Margherita.

«Durante un allenamento-corsetta lungo viale Bovio – racconta - ho incontrato un branco di oltre 20 cinghiali. La questione è molto seria perché la via è abitata da numerose famiglie ed è, pertanto, anche trafficata notevolmente. Vi è un serio rischio per l’incolumità dei cittadini. L’Amministrazione comunale – conclude - deve intervenire. Questo è un problema che solleviamo da anni ma nulla è stato fatto». Sia d’inverno che d’estate questi selvatici scendono dai monti e arrivano in città per rovistare in prossimità delle abitazioni o negli spazi verdi, nella speranza di trovare cibo. Mai sono stati segnalati attacchi a persona, ma vedersi questi grossi animali nelle vicinanze non fa stare tranquilli. Ne sanno qualcosa gli anziani che, in più occasioni, si sono trovati gli ungulati in prossimità del cimitero delle Cortine, vicino alla stazione ferroviaria. Con gli occhi ben aperti anche gli automobilisti perché l’attraversamento improvviso dei cinghiali, soprattutto nelle ore notturne, può provocare molti danni ai mezzi. Di poche settimane fa un fatto simile registrato lungo la tratta Fabriano-Sassoferrato. L’uomo al volante della sua Ford si è trovato i cinghiali sulla strada e, nonostante il buio, è riuscito ad evitare l’investimento. «Percorrevo la tratta a bassa velocità – racconta – quando, improvvisamente, un branco con circa una decina di esemplari mi è passato davanti e poi è andato nel bosco. Se avessi circolato a velocità più elevata la conclusione sarebbe stata ben più grave». 
Da alcuni mesi i cinghiali sono stati visti nuovamente sia al cimitero delle Cortine che in via Bovio dove è avvenuta, anni fa, una battuta vera e propria che ha portato all’abbattimento di diverse decine di esemplari. A Cerreto d’Esi, invece, un automobilista ha investito un cinghiale che, improvvisamente, stava attraversando la strada “delle Serre”. Danni ingenti al mezzo per una spesa di circa 2mila euro. © RIPRODUZIONE RISERVATA