La bambina è uscita dal coma ma resta
in prognosi riservata come l'altro bimbo

La bambina è uscita dal coma ma resta in prognosi riservata come l'altro bimbo
3 Minuti di Lettura
Martedì 5 Marzo 2019, 04:10 - Ultimo aggiornamento: 10:33

ANCONA - Il dolore all’ospedale di Civitanova, la speranza al Pediatrico di Ancona. In mezzo, la tragedia di Porto Recanati: due vite strappate agli affetti nello schianto causato da un 34enne marocchino che guidava sotto l’effetto di alcol e droga e che ha invaso la loro carreggiata di marcia. Al Salesi sono ricoverati in rianimazione pediatrica i figli di Gianluca Carotti, una bambina di 10 anni, e Elisa Del Vicario, un bimbo di 8. Sono ancora in prognosi riservata: le condizioni cliniche della bambina - si legge nel bollettino diffuso dall’Azienda Ospedali Riuniti - sono state stabili per tutta la notte. È stata alleggerita la sedazione e la bambina è stata estubata con pronta ripresa di un normale stato di coscienza e di una buona respirazione spontanea. Necessita ancora di un monitoraggio intensivo». Il bimbo, prosegue la nota, «è in condizioni cliniche stabili. Necessita ancora di monitoraggio intensivo. Durante la notte - riferiscono gli Ospedali Riuniti - il quadro clinico si è mantenuto stabile, in assenza di complicanze». I due bambini sono assistiti dagli psicologi dell’ospedale, saranno loro a dirgli cosa è accaduto.

 

Il dolore è a Civitanova. Uno accanto all’altra. Come in macchina prima del tremendo schianto, come per un bel tratto della loro vita. E come resteranno per sempre. Gianluca ed Elisa, ieri pomeriggio, terminati gli esami autoptici sulle loro salme, sono stati sistemati nella più grande delle camere mortuarie dell’obitorio di Civitanova. Uno accanto all’altra in attesa del trasferimento a Castelfidardo. Ed è così iniziato il lungo addio alla coppia da parte dell’intera comunità. Disperazione ma anche tanta compostezza; rabbia tra i singhiozzi ma anche tanto amore in chi si stringe attorno alle famiglie. Con molto garbo i parenti rifiutano microfoni e taccuini creando una premurosa barriera attorno a Settimio, il papà di Gianluca, e a Patrizia, la mamma di Elisa. 

Anche don Andrea, parroco del quartiere dove i due vivevano, ha preso parte al triste pellegrinaggio. «Che l’indignazione non si trasformi in odio», il suo ammonimento. Un cugino di Gianluca, tra le lacrime, ricorda i tanti momenti vissuti insieme. «Una persona pacata, dedita al sociale, amorevole», dice. Vicino c’è un’amica di Elisa.
Dalla vicina Porto Potenza, l’associazione Santo Stefano Sport volge un caloroso abbraccio alla famiglia di Elisa attraverso il presidente Mario Ferraresi. «Abbiamo conosciuto Elisa qualche settimana fa. L’associazione Raoul Follerau, di cui è animatrice, è stata nostra ospite in occasione di una gara della nostra squadra di basket in carrozzina. Una persona fantastica».

Fuori passa una volante della polizia: da domenica mattina l’ospedale è presidiato dalle forze dell’ordine. E allora c’è chi volge lo sguardo in alto. Due piani sopra, in un’ala attigua dell’ospedale, è ricoverato l’uomo alla guida dell’altra auto che, contromano, è piombata sui due fidardensi. «Giustizia», si alza una voce. Non è un grido ma il tono è deciso. «Giustizia si avrà solo con una condanna esemplare».

© RIPRODUZIONE RISERVATA