L’autovelox con lo sconto: «Ma le multe si pagano». E presto arriverà il secondo impianto per il sistema tutor

Martedì 18 Febbraio 2020
L’autovelox con lo sconto: «Ma le multe si pagano». E presto arriverà il sedondo impianto per il sistema tutor

FALCONARA -  Alla luce delle richieste di rinuncia ai ricorsi contro le sanzioni dell’autovelox, la Giunta comunale di Falconara ha stabilito una cifra forfettaria di 205 euro che il ricorrente rinunciante dovrà versare esclusivamente per le spese di lite, cifra che corrisponde al 50 per cento di quelle a carico del Comune. «A questa cifra - spiega in una nota l’amministrazione - va aggiunto l’intero importo della sanzione irrogata. Entrambe le somme vanno versate prima della data dell’udienza davanti al giudice di pace».

LEGGI ANCHE:

Como, bimba gioca con le banconote e getta 2000 euro in contanti nel water

L’amministrazione comunale rinnova l’invito a rispettare il limite di velocità, che è di 70 chilometri orari nel tratto di Variante alla Statale 16 in cui è installato l’autovelox. «In base ai dati dell’Osservatorio permanente sugli incidenti della provincia di Ancona - riferisce l’amministrazione -, il tratto di strada in questione ha infatti un alto tasso di incidentalità e la Prefettura ha indicato lo stesso tratto, proprio per le criticità esistenti, tra quelli in cui è autorizzata l’installazione di dispositivi per il controllo elettronico della velocità». Per questo l’amministrazione comunale intende riattivare il monitoraggio nello stesso punto. L’autovelox, disattivato il 14 ottobre su iniziativa del Comune dopo un primo periodo sperimentale, sarà presto affiancato da un altro dispositivo a distanza di un chilometro, una decisione presa dopo aver monitorato l’intensità dei flussi veicolari e l’andamento delle violazioni al limite di velocità fissato dall’Anas. Con il secondo dispositivo cambieranno le modalità di misurazione della velocità lungo la Statale 16: da un sistema di misurazione istantanea si passerà alla misurazione della velocità media dei veicoli in transito. L’autovelox attivato tra luglio e ottobre resterà installato al chilometro 290+390, mentre un secondo dispositivo sarà posizionato al chilometro 289+200, prima di quello già esistente (provenendo da Senigallia): in questo modo sarà possibile calcolare la velocità media dei veicoli che viaggiano in direzione Ancona tra il primo e il secondo autovelox.

In queste settimane gli uffici sono impegnati nell’attività propedeutica alla nuova installazione, dopo aver acquisito i pareri favorevoli di Anas, Prefettura e Polstrada. Per installare il secondo dispositivo lungo la Variante sarà utilizzato quello posizionato attualmente vicino a Rocca Priora, lungo la Statale 16, mai entrato in funzione. Proprio perché non funzionante, per il dispositivo della Rocca il Comune non ha ancora pagato alcun canone, che scatterà al momento dell’accensione. Il secondo autovelox che verrà installato lungo la Variante sarà alimentato a energia solare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA