Liste d’attesa azzerate alla casa di riposo di Jesi: al momento sono disponibili sette posti

Martedì 1 Giugno 2021
La casa di riposo di Jesi

JESI  - Liste d’attesa azzerate alla casa di riposo di Jesi. Ne dà notizia l’Azienda Servizi alla Persona, gestore della residenza per anziani. Sedici i nuovi ospiti entrati a maggio, mese in cui sono ripresi gli ingressi, in precedenza sospesi per la pandemia. Sono ora un centinaio gli anziani presenti nella struttura di via Gramsci, dove c’è ulteriore disponibilità di altri sette posti. Un dato, quello dell’esaurimento delle liste d’attesa, sul quale probabilmente ha inciso anche la situazione critica vissuta negli ultimi mesi dalle strutture per gli anziani. 

LEGGI ANCHE:

Al via i lavori sullo svincolo di Monsano con temporanea chiusura delle rampe. Ecco la durata dell'intervento

 


Operatori e personale della Casa di Riposo di Jesi sono stati tutti vaccinati e sono riprese anche quelle attività di animazione - sia organizzate dai volontari dell’Avulss, sia promosse dall’Asp Ambito 9 - che erano state interrotte per l’emergenza-pandemia. «La ripartenza di tutti i servizi alla casa di riposo - per il presidente dell’Asp Ambito 9 Matteo Marasca - è una iniezione di fiducia per il futuro, sia in termini di accoglienza, che di qualificazione della struttura. Stiamo in questi giorni definendo con Amministrazione comunale e i tecnici incaricati il progetto di ristrutturazione dell’edificio di via Gramsci, per renderlo più funzionale, con una capacità di accoglienza maggiore e con l’inserimento di una residenza sanitaria assistenziale. Un intervento di cui si parla da anni e che nei prossimi mesi potrà essere concretizzato». 


Fra i servizi erogati dall’Asp Ambito 9 a favore della terza età, l’assistenza domiciliare destinata a 30 utenti, la fornitura di pasti a domicilio a 28 persone ogni giorno, la consegna di spesa e farmaci a domicilio che riguarda 42 anziani. Il pacchetto include anche il telesoccorso per 5 utenti e l’accoglienza nel centro diurno demenze per 22. Da segnalare infine altri 200 anziani interessati ad assegno di cura, al progetto di sostegno domiciliare sostenuto dall’Inps e alle attività di segretariato sociale e orientamento ai servizi (60). 

© RIPRODUZIONE RISERVATA