Jesi, tentano il furto con scasso
ma fanno troppo rumore e fuggono

Domenica 14 Febbraio 2016
I poliziotti mostrano gli attrezzi presi ai ladri

JESI - Ladri in azione in centro. Gli danno la caccia polizia e carabinieri, che hanno in mano tracce e impronte repertate su arnesi da scasso, oltre all'auto con cui hanno depredato alcuni appartamenti nei giorni scorsi: un'Audi A4 scura recuperata in viale Verdi. Le forze dell'ordine stanno operando in sinergia per rintracciare e identificare i malviventi. Nel pomeriggio di venerdì tre appartamenti situati al secondo piano di palazzine condominiali in via Dei Fiori, via Erbarella e via Primo Maggio sono stati visitati dai ladri che, pur riuscendo a entrare, non hanno fatto in tempo a prendere nulla perché i rumori prodotti dall'effrazione e dalla mola accesa hanno insospettito i vicini ed è scattato l'allarme a 112 e 113. La strategia: uno dei due ladri, più smilzo e agile, si arrampicava per i discendenti delle acque reflue e una volta arrivato all'appartamento da svaligiare apriva la porta al complice, che aveva in spalla uno zaino con dentro pesanti arnesi da scasso tra cui una mola con dischi d'acciaio per divellere e tagliare casseforti e porte blindate.
Solo che i due malviventi sono entrati in azione di pomeriggio, tra le 17 e le 20 in quartieri residenziali e in palazzine dove la gente è sveglia e collaborativa. Gente che è stanca di essere vittima. Il primo appartamento, in via Dei Fiori-via Lapis: ma all'accensione della mola i residenti, sapendo che il pensionato residente era appena uscito per andare a fare la spesa, si sono insospettiti e hanno chiamato la polizia. L'arrivo delle volanti del commissariato e delle unità del reparto Prevenzione Crimine di Perugia - messi a disposizione dal questore di Ancona Oreste Capocasa - hanno costretto i ladri alla fuga.

© RIPRODUZIONE RISERVATA