Lucaboni derubato
"Non ho potuto far nulla"

Lucaboni derubato "Non ho potuto far nulla"
1 Minuto di Lettura
Venerdì 22 Agosto 2014, 20:17 - Ultimo aggiornamento: 24 Agosto, 20:01
JESI - Derubato a Porta Valle dei soldi che aveva lasciato in auto mentre si era allontanato di qualche metro. E poi protagonista di un faccia a faccia col presunto ladro al termine del quale ha potuto solo constatare con rabbia tutta la sua impotenza nella situazione.



La disavventura è capitata, giovedì scorso alle 22,45, al coordinatore cittadino di Forza Italia Massimiliano Lucaboni.



"Ero alla guida quando ho ricevuto una telefonata e, come d'abitudine - racconta Lucaboni - mi sono fermato per rispondere. Ho commesso un'imprudenza: nello scendere ho chiuso lo sportello dell'auto ma senza mettere la sicura. In vista, nel portaoggetti, c'erano venti euro. Ho sentito un rumore e mi sono voltato: ho visto lo sportello aperto ed un ragazzo di colore che si allontanava. I venti euro non c'erano più".



A quel punto Lucaboni ha raggiunto il ragazzo e chiesto la restituzione dei soldi. "In tutto il piazzale di porta Valle c'eravamo solo io e lui. Nessun altro poteva aver preso i soldi. Ma non c'è stato nulla da fare. Il ragazzo negava ed aveva una bottiglia in mano. Io, sospeso fra il timore ed il pensiero che per pochi soldi non valesse la pena rischiare, non sono andato al di là delle parole".



Leggi Corriere Adriatico per una settimana gratis - Clicca qui per la PROMO

© RIPRODUZIONE RISERVATA