Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Maltempo choc, madre e figlia intrappolate nell'auto nel sottopasso allagato

Maltempo choc, madre e figlia prigioniere dell'auto nel sottopasso allagato
Maltempo choc, madre e figlia prigioniere dell'auto nel sottopasso allagato
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 17 Novembre 2021, 10:37

JESI - Sottopassi allagati e auto imprigionate, infiltrazioni d’acqua e smottamenti. Il fango invade le strade, traffico in tilt in Vallesina. Tre persone sono state salvate dai soccorritori, mentre le loro auto si riempivano d’acqua e temevano di morire. L’allarme più grave, verso le 17,50 in via Latini dove una Mercedes con a bordo due donne – madre e figlia di 81 e 50 anni di Fabriano – è rimasta imprigionata nel sottopasso, dove l’acqua aveva superato il metro e mezzo. 

Crescono i positivi a scuola, quarantena per 95 classi. In sette giorni raddoppiano le chiusure

Il salvataggio 

Le due donne, sotto choc, sono state estratte dall’abitacolo dai sanitari della Croce Verde e dalla Polizia locale, che le hanno portate in braccio fino all’ambulanza. Visite e tranquillizzate, per loro non è stato necessario il ricovero in ospedale. Poco dopo, un intervento analogo, ma stavolta in via Acquasanta, in prossimità di un ponticello che collega con San Marcello. Anche in questo caso una vettura è rimasta in panne per via dell’acqua alta, ma il conducente - un 41enne indiano – è salito sul tettino dell’auto e ha atteso quasi un’ora, al freddo, che venissero a salvarlo. Lo hanno aiutato i vigili del fuoco e i sanitari della Croce Verde che lo hanno poi trasportato al Pronto soccorso per una sospetta ipotermia. Una situazione drammatica nell’intera città con tutti i sottopassi chiusi per allagamenti. In via Fontedamo, che porta all’ingresso della superstrada, c’era oltre un metro d’acqua: chiuso dunque lo svincolo di Jesi Est. Allagati i sottopassi di via della Barchetta e di via Roncaglia. Allagamenti anche in viale Don Minzoni, via Pasquinelli, via Ancona e Mazzangrugno. Frane in via Santa Lucia e in via Mazzangrugno con il fango che ha invaso completamente la carreggiata. Chiuso il ponticello di via Burrone, tra via Tabano e Montesecco. Interdetta via Rosini, una traversa di via Paradiso, allagata da acqua e fango. Decine le richieste d’aiuto girate alla operativa del 115: lo stesso 118 ha avuto difficoltà a contattare i vigili del fuoco, intervenuti anche nella notte con tutti gli uomini a disposizione, incluse le squadre di Ancona e Arcevia e quelle speciali dei Sommozzatori e del reparto Portuali. In via dell’Industria un’auto è stata abbandonata in panne nella strada allagata. Chiuse anche via Roncaglia, Latini e Montelatiere. In via Mamiani un’abitazione è stata allagata, le infiltrazioni hanno invaso cantine e garage in via Piandelmedico. Una ventina gli interventi eseguiti solo nel pomeriggio dai pompieri. Critica la situazione in Vallesina, specie sulle strade extraurbane, mentre a Filottrano si sono registrati blackout di corrente, famiglie senza luce per ore. Disagi sulla Provinciale per Osimo invasa dal fango e dall’acqua, soprattutto nella zona aotto Montoro. Il Comune di Filottrano ieri ha chiuso diverse strade: via Casarola, San Pietro, San Giuliano, Pellucca, Gamberara e Piana Troscione. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA