Tutti in fila per un lavoro in Comune: ci sono 4 posti, si presentano in 277

Mercoledì 9 Settembre 2020 di Fabrizio Romagnoli
Tutti in fila per un lavoro in Comune: ci sono 4 posti, si presentano in 277
JESI - Sono 277 i candidati per tre posti a tempo pieno e indeterminato come istruttore tecnico presso il Comune di Jesi e per un quarto come istruttore geometra presso quello di Monsano: i due enti hanno indetto insieme il bando di concorso. Per quanto riguarda Jesi si tratta dell’ultima procedura in ordine di tempo dopo che, da qualche mese, Piazza Indipendenza ha ripreso ad assumere personale in maniera consistente, anche se non agli stessi ritmi d’uscita dai ranghi dei dipendenti per pensionamento. 

 
Sedici - compresi i tre in questione - gli ingressi al lavoro previsti fino alla primavera del prossimo anno, che si andranno ad aggiungere ai quattordici già in via di maturazione sulla base dei concorsi in svolgimento. Per questo ulteriore bando, si attende ora che venga fissata la data della prova di preselezione che scremerà i 277 che hanno presentato domanda: per i quattro posti, di categoria C, si richiede il diploma da geometra - o afferente al settore tecnologico indirizzo “Costruzioni, ambiente e territorio”, rilasciato dagli Istituti tecnici- oppure la laurea nei settori ingegneria e architettura. In base all’accordo fra i due enti, il Comune di Jesi procederà a chiamare per primo per l’assunzione tutte le tre unità di personale previste, mentre Monsano procederà successivamente: se il candidato chiamato a Jesi secondo l’ordine della graduatoria dovesse rifiutare, perderà automaticamente l’opportunità anche con il Comune di Monsano.

ll personale
Dal 2016 ad oggi, nel saldo fra pensionamenti da un lato e nuove assunzioni dall’altro, piazza Indipendenza ha perduto ventisei unità di personale: erano 250 gli addetti a tempo indeterminato quattro anni e mezzo fa, sono rimasti 224 quelli attuali. Dei prossimi sedici posti in più programmati, due quelli di categoria D per i quali sarà richiesta la laurea. Per gli altri tredici di categoria C e il restante di categoria B saranno sufficienti rispettivamente il diploma e la scuola dell’obbligo. 
Da compiti di front office presso l’ufficio anagrafe all’area servizi tecnici, i nuovi assunti andranno a ricoprire incarichi un po’ in tutti i settori dell’attività comunale. Alle procedure dei mesi scorsi, erano complessivamente pervenute quasi 2.500 domande di partecipazione. Per l’assunzione part-time di tre persone da impiegare nei Musei Civici, 444 erano stati i candidati. In 370 hanno invece risposto al bando per tre posti di categoria D (necessaria la laurea), a tempo pieno e indeterminato, da inserire uno ciascuno negli uffici Affari Generali, Servizi al Cittadino e Servizi Tecnici. Infine si attende di definire le migliori modalità per effettuare la prova di preselezione che dovrà ridurre a circa 50 i partecipanti al più corposo e appetito fra i bandi indetti: 1.656 le domande per otto posti - sette al Comune di Jesi e uno in quello di Maiolati Spontini, altra procedura gestita in sinergia- di istruttore amministrativo contabile a tempo pieno e indeterminato. Anche qui posti di categoria C, per i quali è sufficiente il solo diploma. 

La selezione
Intanto l’amministrazione ha pubblicato un avviso di selezione per affidare, a tempo determinato, un incarico di alta specializzazione nel settore dei lavori pubblici. Si ricerca un professionista che, nell’attesa di condurre a termine le procedure di concorso per le assunzioni a tempo indeterminato, dia man forte al servizio in una fase in cui sono molte e delicate le questioni impegnative sul piatto: il rifacimento di Corso Matteotti, le scuole Lorenzini, Martiri della Libertà e Borsellino da costruire o ristrutturare, il Centro Alzheimer. 
  © RIPRODUZIONE RISERVATA