L'allarme, i vigilantes e i carabinieri fanno saltare due colpi nei supermercati: «C' una banda che assalta i Conad»

L'allarme, i vigilantes e i carabinieri fanno saltare due colpi nei supermercati: «C' una banda che assalta i Conad»
L'allarme, i vigilantes e i carabinieri fanno saltare due colpi nei supermercati: «C' una banda che assalta i Conad»
di Talita Frezzi
3 Minuti di Lettura
Martedì 24 Maggio 2022, 09:51 - Ultimo aggiornamento: 25 Maggio, 08:45

JESI - Doppio tentativo di furto nella notte tra domenica e ieri ai danni dei supermercati del gruppo Conad: presi di mira i superstore di Jesi in via don Rettaroli e di Chiaravalle, in via Maestri del Lavoro. E non è la prima volta, purtroppo. Stesso colpo era stato tentato già a febbraio ai danni dei due punti vendita. I banditi, almeno tre o quattro persone, sono entrati in azione prima a Jesi, poco prima di mezzanotte e successivamente a Chiaravalle, verso le 3,30.

Abbraccia a tradimento il professionista 65enne e gli sfila dal polso il Rolex da 10mila euro

 

Verso mezzanotte, quando i banditi hanno tentato di forzare l’ingresso del Conad di Jesi, è scattato l’allarme circostanza che ha costretto i ladri a darsi alla fuga. Immediato l’intervento della vigilanza privata Vedetta2/Mondialpol e dei Carabinieri. Fortunatamente, i ladri non erano riusciti a entrare. Così le guardie giurate hanno pensato di fare un controllo anche all’altro Conad in zona, quello di Chiaravalle.

Le due macchine della Vigilanza privata si sono spostate in via Maestri del Lavoro, dove appunto già in passato era stato tentato un altro furto. Verso le 3,15 mentre le due guardie giurate stavano effettuando un controllo perimetrale, hanno udito i cani di una ditta vicina abbaiare all’impazzata. Così si sono avvicinati e hanno visto tre persone vestite di nero darsi alla fuga a campi.

Si sono lanciati all’inseguimento, mentre sul posto giungevano anche le pattuglie dei Carabinieri che eseguivano un sopralluogo. I banditi erano riusciti a entrare nel supermercato rompendo una vetrata, ma il colpo è stato sventato dal tempestivo arrivo delle guardie giurate e dei Carabinieri. Secondo indiscrezioni sulla rocambolesca nottata, sembra che siano stati rinvenuti degli indumenti in un campo in via San Bernardo, ma non è chiaro se appartengano ai ladri in fuga o se siano stati precedentemente gettati lì. Sono in corso delle indagini.

«Purtroppo sono diversi giorni che i punti vendita del nostro gruppo tra la Bassa Romagna e le Marche vengono presi di mira da una banda organizzata di ladri – dichiara il responsabile delle relazioni esterne di Conad Marco Monari – abbiamo informato i soci, attivato telecamere e allarmi, siamo in contatto con le forze dell’ordine. Sono già state sporte le denunce anche per questi ultimi due episodi, in cui però non è stato prelevato nulla visto che si tratta solo di tentativi di intrusione, ma abbiamo comunque registrato danni. Abbiamo fiducia nelle forze dell’ordine e auspichiamo che le indagini diano risultati efficaci e veloci». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA