Jesi e la Vallesina in lacrime: si è spenta Vanda Stefanelli. Le parole commosse del sindaco Bacci

Martedì 31 Marzo 2020
Vanda Stefanelli

JESI - La conoscevano tutti a Jesi. Per tutti era Vandina. La notizia della sua morta che si sta diffondendo in città sta lasciando tutti amarezza e dispiacere. Perchè Vanda era Vanda: non mancava mai un suo saluto, non mancava mai una sua considerazione su questo o quell'avvenimento, su questa o quella scelta a volta anche con tono deciso e perentorio. Ma tutti le volevano bene. E lo si evince anche dal saluto commosso del sindaco di Jesi Massimo Bacci.

LEGGI ANCHE:

L'ospedale da campo arriva via mare: domani al porto e poi subito montato a Jesi

«Era una di quelle persone a cui non potevi non volere bene, perché a modo suo era veramente speciale. Sempre la prima a salutarti quando la incrociavi per strada - magari alzava anche troppo il tono della sua voce - ma affettuosa, sincera e pronta a raccontarti l’ultima novità del giorno.

Credo che Vanda Stefanelli - più semplicemente Vandina - lascia un bellissimo ricordo in chi l’ha conosciuta: le migliaia di studenti del Liceo Scientifico dove ha lavorato per decenni e tutti coloro che hanno avuto modo di incontrarla in seguito, perché era ovunque, ad ogni iniziativa, ad ogni appuntamento pubblico, pronta a dispensare saluti affettuosi, chiamandoti per nome perché si ricordava proprio di tutti. Ciao Vandina, grazie del tuo affetto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA