Intossicazione da monossido di carbonio: uomo di 40 anni grave, dall'Abruzzo verrà portato all'ospedale di Jesi

Giovedì 15 Aprile 2021
L'ospedale Carlo Urbani di Jesi

JESI - Sarà portato a Jesi un uomo di 40 anni, in prognosi riservata, rimasto vittima insieme a tutta la famiglia di un'intossicazione da monossido di carbonio che si è sviluppato stando ai primi elementi raccolti da una caldaia. E' successo a Tollo, in provincia di Chieti: mentre non destano preoccupazione le condizioni della moglie e dei tre figli rispettivamente di un anno, undici e tredici, quelle dell'uomo sono serie e verrrà pertanto portato a Jesi per il trattamento in camera iperbarica. Le cause dell'intossicazione sembrano riconducibili alla canna fumaria intasata dal nido di un piccione. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri e i vigili del fuoco.

LEGGI ANCHE:

Addio al professor Pino Cuscito, storico insegnante dell'Ipsia: stroncato da un malore a 73 anni

© RIPRODUZIONE RISERVATA