Follia in superstrada, l'autovelox rileva bolidi che sfrecciano a 200 all’ora: in arrivo multe pesantissime

Mercoledì 31 Marzo 2021
Follia in Superstrada, l'autovelox rileva bolidi che sfrecciano a 200 all ora: in arrivo multe pesantissime

JESI -  “Velocità folli”. È così che la stessa Polizia Stradale di Ancona definisce certe andature sulla superstrada ss76 della Vallesina. Nel bilancio dei controlli della Polstrada sulle principali strade della Provincia, soprattutto nell’ambito delle campagne promosse in ambito nazionale ed europeo per la sicurezza stradale, emergono le 360 infrazioni rilevate dall’inizio dell’anno e contestate in merito all’eccesso di velocità, un terzo delle quali con la contestuale decurtazione dei punti sulla patente e un decimo, con la sospensione della patente (laddove la velocità riscontrata superava di 40 km orari il limite consentito).

 

Nei giorni scorsi, in particolare sulla superstrada 76. nel tratto che attraversa il Comune di Jesi, si sono registrate velocità spropositate: dai sistemi di rilevazione dell’autovelox installato lungo la ss76 sono state registrate velocità superiori a 190 e 200 km orari.

I verbali saranno recapitati nei prossimi giorni ai proprietari delle vetture ai quali sarà chiesto di indicare chi fosse il conducente al momento del rilevamento, per l’applicazione delle sanzioni accessorie sulla patente di guida: nello specifico, 845 euro di multa per chi guida a una velocità che superi di 60 km orari il limite imposto, ma che potrebbero addirittura raddoppiare se la contravvenzione non viene pagata entro 60 giorni, oltre alla sospensione della patente da sei mesi a un anno, come previsto dal Codice della strada. Decurtati anche 10 punti dalla patente, come conseguenza della condotta imprudente, poiché viene considerato che una velocità così elevata in caso di incidente stradale può diventare circostanza aggravante dell’omicidio stradale o delle lesioni stradali. I controlli della Polstrada continueranno periodicamente per scongiurare le condotte di guida pericolose dovute all’eccessiva velocità.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA