Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Jesi, se le danno di santa ragione
al mercato, poi il caffè della pace

Jesi, se le danno di santa ragione al mercato, poi il caffè della pace
1 Minuto di Lettura
Domenica 2 Dicembre 2018, 07:05
JESI - Prima se le dicono, e se le danno, in pieno centro, nel giorno di mercato, spaventando i tanti che affollavano ieri mattina piazza della Repubblica. Poi, dopo l’intervento dei carabinieri a placare gli animi e accertare le identità, la pace davanti a un caffè al bar. Protagonisti dell’episodio un venditore ambulante pachistano di ventidue anni, residente a Porto Recanati e da oltre dieci anni in Italia, e un cliente bengalese, residente in città. L’alterco fra i due è scoppiato, violento, all’altezza del banco al mercato del primo, davanti alla chiesa dell’Adorazione, in piazza della Repubblica. Una violenta zuffa nel mezzo del mercato, sulla quale hanno contribuito a richiamare l’attenzione anche le urla della moglie del cliente bengalese, che aveva anche la figlia sul passeggino. Per fermare i pugni e mettere fine allo scontro c’è voluto l’arrivo dei carabinieri, allertati da chi si era trovato ad assistere alla scena.
© RIPRODUZIONE RISERVATA