Rissa in centro, Daspo Urbano per 3 ventenni: vietati per un anno i luoghi della movida

Martedì 15 Febbraio 2022
Rissa in centro, Daspo Urbano per 3 ventenni: vietati per un anno i luoghi della movida

JESI - Movida molesta, i poliziotti del Commissariato di Jesi ha scoperto i tre ragazzi di 20 anni ritenuti responsabili di una rissa avvenuta in centro lo scorso 16 gennaio. Nei loro confronti il questore ha emesso altrettanti Daspo urbani: per un anno i giovani non potranno accedere a piazza delle Monnighette, Costa Mezzalancia, Costa Pastorina, via Roccabella, con contestuale divieto di stazionamento nelle immediate vicinanze degli stessi.

Covid, la discesa c'è ancora ma frena: 2.881 positivi nelle Marche, incidenza ancora giù. Nove decessi, tra loro un 54enne. Ricoveri -2/ Il trend

 

Il personale del Commissariato P.S. di Jesi, impegnato nei servizi specifici “ Anti Movida” del sabato sera, intervenne, lo scorso 16 gennaio, alle ore 02.45, in quanto era stata segnalata una rissa nel centro di Jesi. A seguito delle attività investigative venivano individuati alcuni giovani che si erano resi responsabili di gravi fatti nel centro storico della cittadina, in un momento di grande affluenza e in prossimità di locali pubblici , con diversi esercizi commerciali adibiti alla somministrazione di bevande e ristorazione.

In considerazione del notevole allarme procurato alla collettività, della particolare violenza dimostrata nell’occasione e della necessità di impedire la reiterazione di condotte simili, nei confronti dei responsabili, già deferiti per i reati di rissa, lesioni personali e violenza privata, il Questore di Ancona, a seguito di istruttoria della Divisione Anticrimine, ha emesso nei riguardi dei tre 20enni, tre provvedimenti D.Ac.Ur. (Daspo urbano), con divieto per gli stessi di accedere, per un anno, nei seguenti luoghi cittadini: piazza delle Monnighette, Costa Mezzalancia, Costa Pastorina, via Roccabella, con contestuale divieto di stazionamento nelle immediate vicinanze degli stessi, individuati anche, in considerazione della mancanza, nell’area descritta, della presenza di attività pubbliche o private, necessarie al soddisfacimento di esigenze primarie altrimenti inderogabili alla medesima Piazza e frequentare e stazionare nei pressi di tutti gli esercizi commerciali siti in loco.

Ultimo aggiornamento: 18:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA