Vende del "fumo" a un giovane, blitz dei carabinieri nel parco: preso il pusher, sequestrata la droga

Il pusher è stato arrestato dai carabinieri
Il pusher è stato arrestato dai carabinieri
di Talita Frezzi
3 Minuti di Lettura
Domenica 12 Giugno 2022, 05:10 - Ultimo aggiornamento: 16:40

JESI - Contrasto al consumo e spaccio di stupefacenti: ennesimo controllo dei carabinieri della Compagnia di Jesi agli Orti Pace di via Setificio, i giardini multietnici già teatro di altri interventi e operazioni antidroga nelle scorse settimane. Il bilancio dell’attività dei militari è di un altro pusher in manette.

Ieri pomeriggio i militari dell’aliquota Radiomobile nell’ambito dei servizi preventivi disposti dal comando provinciale Carabinieri di Ancona, sono tornati a presidiare gli Orti Pace e hanno colto in flagranza un’attività di spaccio tra due giovani, entrambi stranieri. Il pusher 30enne aveva appena ceduto una dose di hashish a un coetaneo. Ma alla vista dei militari, prontamente intervenuti, l’acquirente è fuggito a piedi riuscendo a dileguarsi nel quartiere, mentre lo spacciatore è stato bloccato.

Condotto alla caserma di corso Matteotti, è stato identificato e arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Il pusher è stato poi sottoposto a ulteriori accertamenti. Sottoposto a perquisizione personale, le conseguenti attività di polizia giudiziaria hanno permesso ai militari di rinvenirgli addosso ulteriori 6 dosi di hashish del peso complessivo di 30 grammi, già confezionate e pronte a essere smerciate ad altri clienti. Rinvenuti anche 160 euro in banconote di piccolo taglio, probabile provento dell’attività di spaccio. La droga e il denaro sono stati sequestrati.

Quello di ieri pomeriggio è il sesto arresto operato dai carabinieri della Compagnia di Jesi nell’ambito del contrasto allo spaccio di stupefacenti in città, dove particolare attenzione viene rivolta ai giardini e ai parchi pubblici. Proprio agli Orti Pace sono stati colti in flagranza di spaccio tre dei sei spacciatori arrestati, grazie a una presenza costante e capillare degli uomini dell’Arma il cui obiettivo resta quello della prevenzione e repressione dei reati, ma anche restituire la fruibilità dei luoghi pubblici alla cittadinanza. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA