Eleonora, l’infermiera intervenuta per prima dopo la tragica carambola: «Li ho soccorsi, lui è morto davanti a me»

La Panda capovolta dopo aver centrato il camper e travolto e ucciso i due in bicicletta
La Panda capovolta dopo aver centrato il camper e travolto e ucciso i due in bicicletta
3 Minuti di Lettura
Sabato 18 Giugno 2022, 03:15 - Ultimo aggiornamento: 19 Giugno, 08:49

MONTEMARCIANO - «Quando abbiamo sentito quel frastuono, siamo subito usciti dal bar per avvicinarci alle due persone a terra. La donna purtroppo era già deceduta. Così io e il mio collega abbiamo provato a soccorrere l’uomo che era con lei, ma non abbiamo potuto fare niente: è morto sotto i nostri occhi». Eleonora è una giovane infermiera che lavora a Torrette.

Mamma nell’auto proiettile falcia e uccide Alberto e Stefania, 42 e 39 anni, che pedalavano in bici verso casa. La ricostruzione della carambola mortale

Stava sorseggiando un drink allo Chalet, sulla spiaggia di Marina di Montemarciano, insieme agli amici, quando ha avvertito il rumore tagliente delle lamiere e le urla strazianti di chi è sopravvissuto alla tragedia. È stata lei la prima a soccorrere Alberto e Stefania, i due fidanzati travolti e uccisi dalla Fiat Panda impazzita. «Ci siamo avvicinati di corsa, ma abbiamo capito subito che purtroppo non c’era nulla da fare», dice Eleonora, provata come decine di persone incredule, giovedì sera, di fronte a quello che assomigliava a uno scenario di guerra. «Dallo choc non riusciamo nemmeno a parlare - balbetta un dipendente dello Chalet -. Siamo usciti tutti dal ristorante per capire cosa fosse successo, io ho provveduto a bloccare il traffico. Ma no, non ce l’ho fatta ad avvicinarmi: ho capito subito che quei due poveretti erano morti sulla strada. L’ho intuito dall’espressione dei due infermieri che li hanno soccorsi per primi. Che tragedia». 
s. r.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA