In corso Amendola i marciapiedi un anno dopo: fine del restyling prevista (speriamo) ad aprile

In corso Amendola i marciapiedi un anno dopo: fine del restyling prevista (speriamo) ad aprile
In corso Amendola i marciapiedi un anno dopo: fine del restyling prevista (speriamo) ad aprile
di MIchele Rocchetti
4 Minuti di Lettura
Domenica 25 Febbraio 2024, 04:00 - Ultimo aggiornamento: 15:28

ANCONA Ultimo giorno di Sbaracco in corso Amendola, mentre proseguono i lavori di riqualificazione dei marciapiedi, con l’inversione del senso unico che sembra aver ridotto un po’ i disagi. Fino a questa sera in 22 attività del centro commerciale naturale sarà possibile acquistare prodotti e servizi a prezzi super convenienti.

I ribassi

«Le percentuali di sconto varieranno a seconda del punto vendita e delle categorie merceologiche – riferisce Claudia Papini, storica titolare del negozio di vestiti per bambini Pop Corn, la quale, pur avendo ceduto l’attività ed essendo andata in pensione, continua a organizzare l’evento per dare una mano ai suoi ex colleghi -, ma l’affare è assicurato».

Soprattutto nei negozi di abbigliamento. Lo Sbaracco, alla settima edizione, permette a chi vende vestiti di liberarsi delle rimanenze di fine stagione. «L’iniziativa, che si tiene due volte all’anno, a febbraio e a fine agosto - spiega Papini - è nata da noi commercianti». La manifestazione include attività di vario genere. «A partecipare non sono solo i negozi di abbigliamento – evidenzia Papini -. Ci sono anche ottici, orefici, parrucchieri, centri estetici, venditori di articoli per la casa». Ognuno con manifesto in vetrina.

La crescita

«L’espansione è frutto della consapevolezza di far parte del vero centro del commercio anconetano – sostiene Papini -. Qui non ci sono franchising, ma negozi a conduzione familiare, alcuni con oltre 50 anni di vita. E ciò che ci distingue è la qualità del servizio». Con i clienti abituali si instaura un rapporto di fiducia non replicabile in catene esiti online. «Qui puoi trovare di tutto, dai negozi di abbigliamento, al tabacchi, al calzolaio, ai banchi del mercato. In corso Amendola ci sono più di cento attività».

Da oltre un anno i commercianti devono fare i conti con il cantiere infinito dei marciapiedi. Era l’ottobre 2022 quando venne dato il via lavori, che si sarebbero dovuti concludere entro il 17 maggio 2023. Invece, per una serie di intoppi, dovuti soprattutto al cattivo stato dei sottoservizi, la ditta si è vista costretta a chiedere due proroghe che hanno fissato il nuovo termine al 26 ottobre. Arrivati a metà mese è risultato chiaro che anche la data del 26 non sarebbe stata rispettata, perciò la giunta ha deliberato prima una sospensiva dei lavori fino al 4 febbraio, per non creare interferenze con lo shopping natalizio, e poi una nuova proroga fino al 18 aprile 2024. Dal 5 i lavori sono ripartiti, creando qualche disagio alla circolazione per via del senso unico istituito tra via Orsi e via Cadorna in direzione Stadio Dorico.

La viabilità

Ora che il senso di marcia è stato invertito, le cose sembrano essere migliorate, sia perché il traffico proveniente da Largo Cappelli è inferiore, sia perché si ha la possibilità di svoltare in due direzioni, giù verso il Viale e su verso via Maratta. Inoltre i lavori sul lato nord stanno procedendo spediti. La pavimentazione da piazza Don Minzoni fino al civico 20 è stata completata e per la posa delle mattonelle nel tratto restante si parla della fine della prossima settimana. Qualche preoccupazione in più c’è per il lato sud, dove le bocche di lupo rischiano di creare problemi. I tecnici del Comune hanno fatto un sopralluogo, ma non si sa come intervenire.

© RIPRODUZIONE RISERVATA