Passeggiata fatale: «Il mio Derek
è morto, lo hanno avvelenato»

Passeggiata fatale: «Il mio Derek è morto, lo hanno avvelenato»
2 Minuti di Lettura
Giovedì 17 Ottobre 2019, 02:05

OSIMO - Cane morto avvelenato dopo una passeggiata in via Giacomo Brodolini, nella zona sotto al maxiparcheggio. A denunciare l’accaduto tramite i social è stato martedì sera il suo padrone, Cristian Vitali, residente in rione Sacra Famiglia, poco distante dal luogo all’accaduto. Domenica sera ha portato a passeggio il suo Sharpei di 11 mesi, Derek, un bellissimo maschio di colore grigio, molto docile. 

«Lo portavo spesso nell’area verde sotto al maxiparcheggio, è incolta e poco frequentata, così lo lasciavo scorrazzare usando il guinzaglio da dieci metri, evidentemente lì ha trovato qualcosa di avvelenato che ha mangiato e che lo ha fatto star stare male», ha detto ieri sconfortato il suo padrone. «Domenica -continua Cristian nel suo racconto- l’avevo portato fuori più volte e stava bene, anche la sera dopo l’ultima passeggiata in quel boschetto non aveva dato segnali di malessere, ma poi lunedì mattina ha iniziato a vomitare e ad avere gli spasmi».

Lo ha portato subito dal veterinario di fiducia che ha fatto tutti gli accertamenti del caso e provato invano a salvarlo. «Il medico ci ha detto che, viste le circostanze, ovvero la fortissima emorragia interna e la velocità del peggioramento dei suoi parametri vitali, Derek era stato avvelenato al 90%, perché un collasso intestinale simile sembrava esagerato», ha rivelato il suo padrone. Sui social ha poi pubblicato la foto del cucciolone di Sharpei denunciando l’accaduto e chiedendo a tutti di prestare attenzione quando si portano a passeggio i cani. In tanti hanno commentato indignati e alcuni gli hanno suggerito di sporgere denuncia alle forze dell’ordine per il reato di uccisione di animali.

«Derek era uno Sharpei molto docile, da cucciolino aveva subito un’aggressione da un Bull Terrier che lo aveva costretto a 8 ore di intervento chirurgico per ricomporre il suo muso, era timido e pauroso, impossibile volergli male». Non è la prima volta che capita in zona di trovare cibi avvelenati in strada o nei parchi. Anche ad Offagna di recente è stato segnalato un episodio simile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA