Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

La banda di ladri punta dritta all’armadio
Cassaforte smurata, in fuga con 10 fucili

La banda di ladri punta dritta all’armadio Cassaforte smurata, in fuga con 10 fucili
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 21 Novembre 2018, 03:55 - Ultimo aggiornamento: 18:49
MONTEMARCIANO - Va in ospedale a trovare l’anziano padre e i ladri ne approfittano per smurare e tagliare la cassaforte. Dentro c’erano nove fucili e una carabina. Il bottino del furto messo a segno nel tardo pomeriggio di lunedì in via Ronco in una zona di campagna di Montemarciano, quasi al confine con Chiaravalle. Nella casa colonica ristrutturata, presa di mira dai ladri, abitano padre e figlio. Il genitore in questi giorni si trova ricoverato in ospedale, dove il figlio tutte le sere va a fargli visita. 

 

Martedì è uscito da casa verso le 19.30 ed ha fatto rientro un’ora più tardi. Intorno alle 20.30. Giusto il tempo di una visita. Al ritorno ha trovato la porta d’ingresso forzata con un piede di porco o un grosso cacciavite. Dentro il caos. I banditi avevano buttato all’aria cassetti, quadri, mobili. Cercavano qualcosa che poi hanno trovato. In una stanza hanno smurato un armadio blindato che hanno deciso di aprire all’interno del casolare. Dentro la grande cassaforte c’erano nove fucili e una carabina. Padre e figlio sono appassionati di tiro al piattello e le armi, detenute legalmente, erano custodite all’interno della grande cassaforte blindata che solo loro avrebbero potuto aprire. 

Tranne i ladri, che non hanno utilizzato però chiavi o combinazioni. Tramite un frullino hanno tagliato lo sportello. Prima l’hanno smurata. Forse in un primo momento pensavano di portarla via e di aprirla poi con comodo. Il peso deve averli fatti desistere dal loro intento iniziale, scegliendo di farlo lì. Hanno rubato solo le armi. Forse cercavano proprio quelle. Dall’abitazione non mancava altro. Sul posto i carabinieri. 

Probabile che i banditi stessero tenendo d’occhio l’uomo. Da qualche giorno si allontana da casa per circa un’ora, la solita dalle 19.30 alle 20.30, per fare visita in ospedale all’anziano padre. Martedì appena partito sono entrati quindi in azione. Avevano sessanta minuti circa per entrare, trovare la cassaforte, smurarla e aprirla. Sono stati sufficienti per riuscire nell’intento.
© RIPRODUZIONE RISERVATA