Frasassi, l’ultimo miracolo
scoperto un altro ambiente

Frasassi, l’ultimo miracolo
scoperto un altro ambiente
Chi sono i tre speleologi
GENGA - Intuito, perseveranza e tanto coraggio. È il segreto della scoperta di tre speleologi marchigiani del Club Alpino Italiano di Jesi che, dopo un anno di esplorazioni, sono riusciti a trovare nel ventre di Monte Valmontagnana il collegamento tra la Grotta Bella e i 19 chilometri del complesso carsico “Grotta del fiume-Grotta grande del vento”. La notizia, resa pubblica in queste ore, già fa sognare geologi, studiosi e appassionati degli ambienti ipogei. Dimostra innanzitutto che la Grotta Bella è una logica continuazione del più grande e conosciuto complesso delle Grotte di Frasassi: poi facilita l’accesso ad ambienti sconosciuti, a delle grotte primordiali che mostrano gli stessi processi genetici all’origine del complesso gengarino. 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
Scopri la promo
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 15 Aprile 2019, 04:20 - Ultimo aggiornamento: 04:20