Il treno si blocca poco prima della stazione, le porte si riaprono solo dopo quattro ore. L'inferno dei passeggeri senza acqua e cibo

Il treno si blocca poco prima della stazione, le porte si riaprono solo dopo quattro ore. L'inferno dei passeggeri senza acqua e cibo
Il treno si blocca poco prima della stazione, le porte si riaprono solo dopo quattro ore. L'inferno dei passeggeri senza acqua e cibo
di Massimiliano Petrilli
3 Minuti di Lettura
Lunedì 14 Marzo 2022, 02:30 - Ultimo aggiornamento: 15:20

FALCONARA -  La beffa del Regionale veloce 3917 è arrivata pochi minuti prima dell’arrivo alla stazione di Falconara. E gli ultimi chilometri sono stati percorsi solo dopo 4 ore tra la tensione dei passeggeri, rimasti a bordo senza cibo, acqua o la possibilità di utilizzare le toilette, i pianti dei bambini e lo sfinimento di chi era partito da Piacenza alle 10.49 di ieri mattina con destinazione finale Ancona alle 15.16. Tragitto e orari messi stravolti dallincidente tecnico. 

Ciclista sbatte violentemente la faccia durante un'uscita alle Cesane, soccorso nel bosco grazie ad una eliambulanza

 
Tanto che solo alle 19 si sono riaperte le porte del treno, atteso alle 15.03 a Falconara. Il guasto improvviso al locomotore si è verificato «per un inconveniente tecnico a un treno tra Montemarciano e Falconara - si legge sul sito Infomobilità di Trenitalia - Richiesto l’invio di un mezzo di soccorso per consentire la regolare ripresa del traffico ferroviario». Ma il locomotore di soccorso è arrivato solo nel tardo pomeriggio e ha potuto far arrivare il regionale alla stazione di Falconara soltanto alle 19. Dal blocco del treno alla discesa dal convoglio i passeggeri sono dovuti rimanere a bordo per motivi di sicurezza. Impossibile anche allestire un servizio bus sostitutivo in quanto il Regionale era fermo a metà strada tra le stazioni di Montemarciano e Falconara. E con il passare delle ore molti sono rimasti senza cibo nè acqua, impossibile anche andare alla toilette mentre i viaggiatori più piccoli hanno iniziato a dare segni di insofferenza. 


Nervi messi a dura prova anche per i loro genitori e tutti gli adulti in viaggio. Lo stop improvviso del locomotore ha costretto Trenitalia a prevedere il senso unico alternato sulla linea Adriatica. «Maggior tempo di percorrenza fino a 15 minuti per i treni in viaggio - l’aggiornamento del sito Infomobilità - I treni direttamente coinvolti sono la Freccia Rossa 8809 Milano Centrale-Lecce, la Freccia Rossa 8811 Milano Centrale-Lecce, gli Intercity 1546 Lecce-Milano Centrale, 609 Bologna Centrale-Lecce, il regionale veloce 3923 Bologna Centrale-Ancona». Il fine evento è stato dichiarato alle 19.15: «Il traffico è tornato regolare dopo l’intervento del mezzo di soccorso» l’avviso conclusivo del sito Infomobilità. Chi è stato suo malgrado protagonista della disavventura potrà presentare una domanda di rimborso sul sito Trenitalia.

LEGGI ANCHE 

Rincari, proteste, guerra in Ucraina, Covid: come andrà a finire? Per restare aggiornato abbonati a CorriereAdriatico.it a soli 11,99 euro per un anno

© RIPRODUZIONE RISERVATA