Natale ecologico per ottanta negozi con la carta da regalo degli studenti che hanno riciclato libri destinati al macero

Domenica 19 Dicembre 2021
Natale ecologico per ottanta negozi con la carta da regalo degli studenti che hanno riciclato libri destinati al macero

FALCONARA - Sono i ragazzi delle scuole medie a fornire carta da regalo ai negozi della città. Bando agli imballaggi che non si possono differenziare, il Natale falconarese sarà all’insegna del riutilizzo e dell’ecologia. Sotto la guida di Benedetta Ortenzio, la nuova incaricata del Centro di educazione ambientale (Cea) del Comune, gli studenti delle prime classi delle medie si sono messi al lavoro per creare carta da regalo di varie dimensioni, buste, bigliettini e coccarde con la carta di libri destinati al macero, materiale perfettamente riciclabile, creativo e che soprattutto trasmette un messaggio improntato all’ecologia. 

 

 
I laboratori
I laboratori sono partiti all’inizio del mese e si sono conclusi venerdì. Sono state ben 78 le attività commerciali di Falconara, Castelferretti e Palombina Vecchia che hanno aderito al progetto e che incarteranno i regali con confezioni eco-friendly. In questo primo anno i ragazzi forniranno una quantità simbolica di imballaggi natalizi ecologici, ma visto il successo del progetto per il prossimo anno le quantità potrebbero aumentare.
«Se a novembre ci siamo dedicati alla festa dell’Albero – dice Benedetta Ortenzio – a dicembre abbiamo fatto un focus su un tema altrettanto importante, ossia la riduzione degli imballaggi, nello specifico quelli non differenziabili come coccarde e carta da regalo plastificata, da cui veniamo letteralmente sommersi nel periodo natalizio. I ragazzi hanno realizzato carta da regalo, biglietti e coccarde con la carta dei libri da macero, donati dal Centro del Riuso e dalla Pro loco Castelferretti e grazie alla collaborazione dell’associazione “I love shopping a Falconara” tanti negozi hanno deciso di accogliere ed utilizzare come packaging i prodotti realizzati a scuola. Un gesto simbolico, ma che dimostra come con un po’ di creatività si possa far del bene al pianeta. I nostri ragazzi, soprattutto, hanno compreso che possono avere un ruolo attivo nella rete della comunità, perché la comunità li vede e risponde».
«Sono orgogliosa della risposta delle attività commerciali e artigianali, segno della grande attenzione che gli operatori hanno per l’ambiente e per i nostri ragazzi – dice l’assessore all’Ambiente – Gli studenti sono preziose sentinelle dell’ambiente, proprio grazie all’attività di educazione ambientale che seguono a scuola e che infonde loro maggiore sensibilità sui temi dell’ecologia».


© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA