Falconara, controlli a tappeto: scattano le manette per due giovani stranieri

Lunedì 2 Dicembre 2019
Falconara, controlli a tappeto: scattano le manette per due giovani stranieri

FALCONARA - Sabato e domenica, i Carabinieri della Tenenza di Falconara Marittima, hanno eseguito controlli massivi dal litorale di Villanova, a Falconara zona Stazione ed in località Palombina, utilizzando contemporaneamente diverse aliquote di personale in borghese supportate da pattuglie di militari in divisa. Nel mirino locali e scantinati ad uso abitativo nonché alcuni edifici in stato di abbandono.

LEGGI ANCHE:

Multicash, cassaforte sventrata in meno di 4 minuti: i ladri scappano con 15mila euro

Falconara, intercettata una potente Alfa rubata. Inseguiti dai carabinieri i ladri abbandonano l'auto e fuggono per i campi

Sabato 30 novembre.

A Palombina, è stato infatti rintracciato un 37enne marocchino evaso dal carcere di Modena il 13 maggio scorso, al termine della fruizione di un permesso premio di 6 ore, dopo che aveva espiato appena un anno di detenzione per rapina e spaccio di sostanze stupefacenti: per lui le porte del carcere si sono riaperte a Montacuto, per una pena residua da scontare pari ad un anno e 7 mesi, sempreché nel frattempo non si aggiungano altre condanne dai procedimenti penali ancora in via di definizione (tra i quali anche quello per la recente evasione).

Domenica 1º dicembre

All'alba di domenica, i militari di Falconara si sono spinti fino al Mandracchio di Ancona dove, all’interno di un locale adibito al rimessaggio delle reti da pesca, sono stati sorpresi 4 cittadini nordafricani, tra cui 2 soggetti di 46 e 33 anni - con tanti precedenti relativi al traffico di sostanze stupefacenti e reati vari contro la persona - entrambi irregolari sul territorio nazionale e destinatari del provvedimento di espulsione. Più specificatamente, al più giovane dei due era stata comminata la dal Giudice la misura di sicurezza dell’espulsione dallo stato, misura alla quale lo stesso si era sottratto; il 46enne invece sarà espulso perché già irregolare da alcuni mesi e con la fedina penale compromessa. Al termine del rito direttissimo di questa mattina a carico del 33enne, per la violazione dell’art. 235 del codice penale (che prevede l’arresto obbligatorio dello straniero già colpito dall’espulsione come misura di sicurezza), entrambi i cittadini sono partiti scortati dai Carabinieri di Falconara, alla volta del Centro di Rimpatrio di Potenza Palazzo San Gervasio, dove nei prossimi giorni saranno radunati a bordo di un volo charter per l’espulsione definitiva dal territorio nazionale ed il contestuale rientro in Tunisia. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA