Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Truffe online, risponde ad un sms, aggiorna i dati e l'hacker gli svuota il conto

Risponde ad un sms, aggiorna i dati e l'hacker gli svuota il conto
Risponde ad un sms, aggiorna i dati e l'hacker gli svuota il conto
2 Minuti di Lettura
Giovedì 21 Luglio 2022, 07:05

FABRIANO - Due truffe online scoperte dai carabinieri di Fabriano. Nel primo caso i militari hanno raccolto la denuncia di un 47enne della provincia di Macerata. L’uomo ha ricevuto un sms da un’utenza sconosciuta che lo invitava ad aggiornare i dati personali del conto bancario online.

Ha fornito le credenziali e scaricato un presunto aggiornamento di quel conto. Ha fatto quanto richiesto da quell’sms e poco dopo, quando è tornato nuovamente nella sua applicazione, si è accorto che mancavano 5.500 euro dal conto che, poco prima, erano stati asportati illegalmente. 


Si è recato a Fabriano e i carabinieri hanno avviato le indagini: denunciate due persone, una donna nata in Brasile residente a Roma di 38 anni e un uomo di Roma di 36, per truffa aggravata in concorso. Nel secondo caso un automobilista di Fabriano ha scoperto durante un controllo dei carabinieri di essere stato truffato: la sua auto risultava non assicurata, quando invece lui aveva fatto tutto l’iter tramite computer. Protagonista un 39enne del posto che, nel tentativo di risparmiare, ha iniziato a chiesto più preventivi a compagnie assicurative online, immettendo i propri dati e quelli dell’auto, in un sito specializzato. 


Dopo poco è stato contattato da due donne che si sono presentate come referenti di un’assicurazione e lo hanno convinto a stipulare una polizza al vantaggioso prezzo di 155 euro l’anno. Il 39enne ha accettato e alcuni giorni dopo, ha ricevuto via posta il certificato. Dopo settimane dalla stipula è stato fermato dai militari, in un normale posto di blocco. L’automobilista ha mostrato documento e assicurazione e ha così scoperto di essere stato truffato. Da una verifica nel data base dei carabinieri è emerso che il mezzo non era assicurato. I carabinieri, al termine delle indagini, hanno denunciato per truffa in concorso due donne: una 24enne nata e residente a Napoli di 24 anni e una 48enne nata in Moldavia e residente a Napoli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA