Paga la caparra e parte da Roma per ritirare l'auto, ma la concessionaria non esiste: presi i due truffatori

Venerdì 19 Novembre 2021 di Marco Antonini
Paga la caparra e parte da Roma per ritirare l'auto, ma la concessionaria non esiste: presi i due truffatori

FABRIANO - Una concessionaria di auto fantasma a Fabriano, un 28enne di Roma truffato. E’ arrivato in città per ritirare la macchina, ma non c’era né l’attività commerciale, né il titolare. Denunciate dai carabinieri due persone per truffa aggravata in concorso.

 

Pubblicizzavano sui social e nei siti specializzati, la loro concessionaria a Fabriano. Peccato, però, che era tutto falso. A cadere nel tranello, molto ben organizzato, un 28enne di Roma che è giunto nella città della carta, dopo aver versato una caparra di 500 euro, per ritirare l’acquisto ed ha scoperto che all’indirizzo indicato nel sito internet, non vi era alcuna concessionaria. 
Ha sporto denuncia e i carabinieri sono riusciti a rintracciare e denunciare due uomini, entrambi nati e residenti in Sicilia. E’ l’ennesima truffa informatica scoperta dai carabinieri della Compagnia di Fabriano, agli ordini del capitano Mirco Marcucci. I due truffatori, di 23 e 50 anni, siciliani, l’avevano architettata molto bene. Avevano creato un sito internet della loro concessionaria specializzata, soprattutto, nella vendita di auto usate. Tutti i contatti per essere sempre raggiungibili, presenti in bella vista nella home page. La vittima, un 28enne di Roma, che voleva acquistare un’automobile a prezzo concorrenziale, ha fatto una serie di ricerche sui siti specializzati. 
Quando si è imbattuto proprio nell’annuncio dei due truffatori è andato anche a vedere nel sito web della concessionaria ed ha scelto l’auto usata che più gli piaceva. Ha preso nota dei contatti ed è stata avviata la trattativa che si è conclusa con il versamento di una caparra di 500 euro, da parte del 28enne romano. Quindi, contento di tornare a bordo della sua nuova auto usata, la vittima giunge a Fabriano. Si reca all’indirizzo indicato nella home page del sito, ma non vi era alcuna concessionaria. Arrabbiato, ha sporto denuncia in caserma. I carabinieri avviano l’attività investigativa. I due truffatori sono stati identificati e denunciati.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA