Fabriano, passeggeri assediati
I pendolari: «Servono più agenti»

Per passeggeri e capitreno
viaggi da incubo. I pendolari:
«Servono più agenti»
FABRIANO - Più personale del dipartimento di Polizia Ferroviaria tra le stazioni di Fabriano e Ancona. È quanto chiedono i pendolari della città della carta dopo l’ultimo episodio avvenuto venerdì mattina sul treno regionale 21669, all’altezza di Albacina. Due giovani viaggiatrici sono state aggredite per futili motivi da un profugo maliano che subito dopo è fuggito, scendendo in stazione e abbandonando i bagagli. In meno di due ore, però, gli agenti Polfer in servizio presso la sede di Fabriano sono riusciti a rintracciarlo nelle campagne limitrofe. Il 22enne africano, richiedente asilo, è stato denunciato per lesioni personali. Le due ragazze, visitate dai sanitari presso l’ospedale Profili, sotto choc, hanno riportato lesioni giudicate guaribili in otto giorni. 

Diversi i pendolari che hanno assistito alla scena avvenuta nella prima carrozza di testa. Hanno sentito urlare, tanto da avvertire subito il capotreno che, resosi conto di quanto accaduto – le due avevano alcuni segni rossi al collo, al volto e alla testa segno che l’aggressione è stata piuttosto violenta – ha allertato le forze dell’ordine e il 118. Non è la prima volta che accadono episodi del genere. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 17 Marzo 2019, 08:55 - Ultimo aggiornamento: 17-03-2019 08:55

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO