Party e rifiuti: ragazzini teppisti sfrenati nel centro storico: «Sempre loro, ma le loro famiglie dove sono?

Party e rifiuti: ragazzini teppisti sfrenati nel centro storico: «Sempre loro, ma le loro famiglie dove sono?
Party e rifiuti: ragazzini teppisti sfrenati nel centro storico: «Sempre loro, ma le loro famiglie dove sono?
di Marco Antonini
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 23 Febbraio 2022, 08:00

FABRIANO  - Giovani vandali in centro storico: nel fine settimana aumentano le segnalazioni dei residenti. Tanti ragazzi prendono la pizza d’asporto la mangiano in via Le Conce poi tutti i rifiuti, carta, cartone, bottiglie e bicchieri vengono lasciati a terra.

 

«Sono italiani – dicono alcuni abitanti della zona – che hanno quasi sempre meno di 18 anni, alcuni arrivano con il motorino e altri con un pulmino, e si ritrovano sotto il porticato delle case popolari Erap (ex negozio Ravazzini) e davanti al ristorante. Ovviamente non parliamo di quei ragazzi che si ritrovano solo per piacere e trascorrere del tempo ridendo scherzando o con la musica, ma di gruppi di vandali, anche se al sindaco Santarelli non piace questo termine, che realmente insultano, minacciano anche chi lavora nel vicino negozio». 


Una segnalazione che viene fatta da tempo. Giovani e giovanissimi che non possono essere rimproverati, che rispondono male agli adulti e che non hanno rispetto delle cose pubbliche. C’è chi ha usato anche bombolette per imbrattare trasformando negativamente una zona bella del centro a ridosso del fiume Giano e chi sporca in continuazione. «Le persone che abitano qui hanno paura di entrare e uscire di casa perché gruppetti anche di 10 ragazzini sono sempre lì e fumano, mangiano e si menano - lamentano i residenti -. Non è il primo sabato che si trovano residui di “pizza party” in giro». 


Poi l’appello ai genitori: «Seguite i vostri figli e insegnate loro a non lasciare i rifiuti dove capita». Nell’ultimo fine settimana la pila di cartoni di pizza ben sistemata a terra non è rimasta ferma nemmeno un’ora. «E’ stata presa a calci con cartoni arrivati ovunque e residui di pizza lungo la strada. Non una bella immagine per la nostra città per colpa di alcune famiglie che dovrebbero insegnare il senso civico ai figli», l’amara conclusione dei residenti che preferiscono mantenere l’anonimato. Chiesti più controlli in borghese da parte delle forze dell’ordine costantemente impegnate nel servizio in città e nelle frazioni. Segnalazioni anche dalla vicina via Cialdini. In questa popolosa via che collega il quartiere Borgo a piazza Garibaldi, in centro, il fine settimana non va meglio. 


«Bisogna fare lo slalom tra bottigliette, bicchieri di plastica, sigarette, oltre alle oramai onnipresenti deiezioni canine. Ogni domenica mattina» confida una residente. L’amministrazione comunale segue l’evolversi della situazione. Non poche, infatti, le lamentele che sono arrivate. C’è chi chiede, ad esempio, l’invio degli agenti della polizia locale, ma gli episodi in questione avvengono fuori l’orario del servizio che in questo periodo dell’anno non è previsto di sera e di notte. Un aiuto potrebbe arrivare dalle telecamere presenti per cercare di individuare i responsabili. Il sindaco, Gabriele Santarelli: «AnconAmbiente sta facendo il massimo. Riguardo ai ragazzi è un problema di educazione e buon senso a cui mi appello nuovamente anche io», dichiara.

© RIPRODUZIONE RISERVATA