Nuovi primari e reparti in crescita
L’ospedale Profili punta al rilancio

Nuovi primari e reparti in crescita L’ospedale Profili punta al rilancio
2 Minuti di Lettura
Sabato 17 Febbraio 2018, 08:15

FABRIANO - Il 2018 è iniziato con buone notizie per l’ospedale Profili di Fabriano. Si è concluso lo studio per la verifica degli indici di vulnerabilità dei 4.500 metri quadrati di struttura della vecchia ala A inagibili da ottobre 2016. La sala operatoria di Ortopedia è stata potenziata con i flussi laminari che permettono di incrementare gli standard di sicurezza e già lavorano a pieni ritmo tre nuovi primari: Andrea Pennacchi per Otorinolaringoiatria, Giuseppe Lemme per Dermatologia e Behrouz Azizi per Urologia. Recentemente è stato bandito il concorso per il nuovo primario di Pronto soccorso e di Medicina. 

Prosegue la sua attività anche la Banca degli Occhi della Regione Marche, con sede proprio all’ospedale di Fabriano. Nata nel 2002, potenziata strutturalmente nel 2012, lavora in sinergia con la vicina regione Umbria tanto che la copertura del fabbisogno regionale ed extra-regionale di cornee è stata sempre garantita nel corso degli anni. In particolare, solo per fare un esempio, nel 2016, sono state raccolte 430 cornee, delle quali 105 sono state destinate a trapianto. Nello stesso anno sono state raccolte 5 placente provenienti dal reparto di Ostetricia e Ginecologia del Profili. La Banca degli Occhi di Fabriano, negli ultimi mesi, ha stipulato il gemellaggio con la Banca degli Occhi di Atene, in Grecia. Numeri positivi anche al Pronto Soccorso. Nel 2017 sono stati registrati 26.376 accessi all’Unità Operativa d’emergenza coordinata dal dottor Aleffi. Nel dettaglio sono stati 21.140 i codici verdi al momento delle dimissioni; 1.830 i bianchi; 3.170 i codici gialli; 192 i codici rossi, quelli più gravi. Un numero in aumento visto che il pronto soccorso del Profili è stato raggiunto da 2.676 utenti in più: nel 2016 furono 23.700 le persone che necessitarono dell’intervento dei sanitari. Il reparto di Ostetricia, invece, nel 2017, ha visto nascere 330 bambini. Tra le novità messe a punto dal team dalla dottoressa Mazzarini il parto dolce, la parto analgesia che era bloccata da molti anni e il completamento del doppio turno ostetrico h24.

© RIPRODUZIONE RISERVATA