Addio a Venanzio Governatori, cavaliere del lavoro: una vita per l'economia e il volontariato

Mercoledì 14 Aprile 2021 di Marco Antonini
Venanzio Governatori aveva 74 anni

FABRIANO - È morto Venanzio Governatori, aveva 74 anni. Fabrianese, verrà ricordato non solo per il suo lavoro nell’ambito economico e finanziario, ma anche per il suo impegno nell’associazionismo e nel volontariato della città della carta.

 

 

Dopo la laurea all’Università di Camerino, dal 1973, è stato dipendente del Ministero delle Finanze. Ha diretto, ad interim, l’Ufficio del Registro di Urbino e ha fatto parte dello staff di coordinamento della Direzione dell’Agenzia delle Entrate fino al pensionamento. Ha promosso la costituzione dell’Accademia del Salame storico di Fabriano ed è stato nel Consiglio di Amministrazione della Fondazione Carifac dal 2005 al 2013. Nel 1997 è stato insignito del titolo di cavaliere del lavoro. Ha organizzato, tra le altre cose anche convegni di rilevanza nazionale su materie tributaria e finanziaria collaborando con diverse università. La salma si trova nella camera mortuaria dell’ospedale di Fabriano dove è possibile dare l’ultimo saluto a Venanzio. Il funerale si svolgerà domani, alle ore 11 presso la chiesa parrocchiale Madonna della Misericordia. Poi la sepoltura nel cimitero cittadino delle Cortine. Così lo ricorda il Coro Giovani Fabrianesi: «Con te abbiamo perso un pezzo importante della nostra storia, tu che fin dall’inizio hai creduto nella nostra avventura e che hai continuato per anni a seguirci con tutto il sostegno possibile. Sei stato una persona di grande generosità umana e di una cultura eccezionale; sempre gentile con tutti e con quella tua vena ironica che sempre ti contraddistingueva». È stato anche sostenitore e consigliere della Corale Santa Cecilia. «Una persona veramente tanto cara, buona e bella dentro, che ha amato e servito la nostra città. Mi dispiace veramente tanto», dice l’ex assessore ai Servizi Sociali, Sonia Ruggeri. Cordoglio è stato espresso anche dall’Asp, Azienda Servizi alla Persona.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA