Va al ristorante per la cena elettorale, poi scopre di essere positiva al Covid. Anche un candidato in isolamento

Mercoledì 16 Settembre 2020 di Marco Antonini
Va al ristorante per la cena elettorale, poi scopre di essere positiva al Covid. Anche un candidato in isolamento
FABRIANO Rischio focolaio dopo un evento elettorale. Giornate di incertezza per alcune decine di persone che hanno partecipato a una cena elettorale in un locale di Fabriano. La notizia è arrivata ieri, nel giorno in cui sono state confermate due nuove guarigioni. Nonostante le precauzioni per evitare la diffusione, il Covid-19 ancora riesce a contagiare e spaventare. La politica non è immune da questa pandemia.

 
Il pericolo
C’è, infatti, un rischio focolaio che potrebbe riguardare coloro che hanno partecipato a una cena elettorale. Una donna, invitata a questo evento, è risultata positiva a un tampone. Forse già oggi si attende l’esito di un secondo tampone. Nel frattempo, però, l’autorità sanitaria ha già avvertito le persone che sono state a più stretto contatto con la donna durante la cena. Tutte, quindi, sono state invitate a porsi in isolamento fiduciario in attesa di comunicazioni. Fra questi c’è anche una persona candidata alla carica di consigliere regionale. Questi i numeri aggiornati dall’inizio della pandemia a ieri pomeriggio. Sono 105 i casi registrati, 9 attualmente positivi, 89 guariti e 7 decessi. Nonostante le due guarigioni accertate nelle ultime ore salgono, fino a 70 unità, le persone in isolamento fiduciario e/ in quarantena proprio per quello che è accaduto recentemente. Per quanto riguarda la cena elettorale, sono state avvertite le persone che, durante la serata, sono state più a contatto con la donna, oltre il personale in servizio e la proprietà.

I casi
Da segnalare anche che due giorni fa il sindaco di Sassoferrato, Maurizio Greci, ha dato notizia di tre nuovi casi di positività. In tutto, ad oggi, sono 9 gli attualmente positivi, tutti di rientro dall’estero. «Si rassicura la cittadinanza di Sassoferrato – dice il primo cittadino – in quanto i soggetti risultati positivi sono tutti asintomatici e in buone condizioni di salute, non necessitano di cure ospedaliere e stanno trascorrendo il prescritto periodo di quarantena presso le proprie abitazioni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA Ultimo aggiornamento: 17 Settembre, 09:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA