Caro bollette, gli sponsor preferiscono risparmiare: cancellato il Premio cinematografico al Castello di Precicchie

Caro bollette, gli sponsor preferiscono risparmiare: cancellato il Premio cinematografico al Castello di Precicchie
Caro bollette, gli sponsor preferiscono risparmiare: cancellato il Premio cinematografico al Castello di Precicchie
2 Minuti di Lettura
Lunedì 12 Settembre 2022, 16:03 - Ultimo aggiornamento: 13 Settembre, 08:18

FABRIANO - Dopo il famoso presepe vivente, annullato a causa del Covid, l’associazione Castello di Precicchie, fa i conti con gli effetti della crisi in Ucraina ed è stata costretta a cancellare anche l'edizione 2022 del Premio cinematografico e televisivo che si sarebbe dovuto svolgere proprio in questi giorni. «Lo scenario di guerra che si prospettava per il nostro paese e l’Europa ha reso incerta la situazione italiana e internazionale - si legge in un comunicato dell'associazione -: la crisi economica dovuta e rincaro di gas ed energia elettrica che ha spaventato i mercati e messo in difficoltà l’economia, ha avuto riflessi negativi sui nostri patners storici». Risultato: il Premio viene rinviato al prossimo anno. 

Stangata bollette, gli sponsor del Premio si tirano indietro

«Una macchina organizzativa complessa quella per il Premio del Cinema, per una manifestazione arrivata a celebrare lo scorso anno il quarto di secolo, che si mette in moto già dai primi mesi dell’anno e che impegna tanti soggetti pubblici e privati oltre l’associazione. Con le incertezze di questo particolare contesto si è reso estremamente difficile organizzare l’annuale edizione del consueto Premio cinematografico e televisivo Castello di Precicchie, che si sarebbe dovuta svolgere proprio in questi giorni. Ci prendiamo perciò una pausa per tornare nel 2023 con un’edizione all’altezza delle precedenti, anzi ancora più accattivante». L’attività dell’associzione Castello di Precicchie comunque non si ferma: sono in progrmma a breve altri appuntamenti che si svolgeranno sempre nello scenario del piccolo castello. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA