Allarme contagi, area grigia al Profili: per la Rsa chiesti i medici all’Esercito

Domenica 1 Novembre 2020 di Marco Antonini
Allarme contagi, area grigia al Profili: per la Rsa chiesti i medici all Esercito

FABRIANO  - Altri 49 positivi nelle ultime ore a Fabriano. Più di 400 persone in isolamento fiduciario e/o quarantena. Il sindaco contatta la segreteria del Ministero della Difesa per chiedere di valutare la possibilità dell’invio di personale medico militare a supporto della casa di riposo. All’ospedale no-covid Profili, intanto, è tornata l’area grigia, il filtro, e a breve dovrebbe essere allestito il container da massimo 8 posti letto in prossimità del Pronto Soccorso. Sono queste le novità nell’ambito dell’emergenza coronavirus.

 

LEGGI ANCHE:

«Bentornato presidente»: l’abbraccio dei dipendenti a Francesco Merloni, dopo la guarigione dal virus

 

I dati aggiornati a ieri pomeriggio parlano di 163 persone positive a Fabriano. Salgono a 124 le persone guarite in questi mesi. Al Pronto soccorso ieri stazionavano quattro utenti in attesa di essere trasferiti in strutture ospedaliere Covid. Questi, invece, i numeri aggiornati nell’Ambito 10. A Sassoferrato ci sono 4 nuovi positivi, dall’inizio della pandemia sono 57 i casi; 36 le persone in quarantena e/o isolamento fiduciario. A Genga è stato accertato un altro tampone positivo. I casi complessivi sono 11, 5 gli attualmente positivi. In 30 in isolamento fiduciario e/o quarantena. A Cerreto d’Esi sono 3 le persone attualmente positive, 13 i casi totali. 10 in isolamento. A Serra San Quirico 12 positivi dopo l’aumento degli ultimi giorni. 40 i residenti in quarantena. 

Dati in continuo aggiornamento e in costante crescita. Dopo l’esplosione del focolaio presso la Rsa di Santa Caterina di Fabriano dove ci sono 52 utenti su 55 positivi e 30 dipendenti su 40 ( e 5 in malattia), il sindaco, Gabriele Santarelli, si è messo in contatto con la segreteria del Sottosegretario al Ministero della Difesa. «Ho rappresentato – dichiara il sindaco - la situazione che si sta verificando alla Rsa di Santa Caterina e ho chiesto di valutare la possibilità di inviare personale medico militare. Intanto l’Asur sta garantendo i turni infermieristici e sono state assunte delle Oss per sopperire alla carenza che si è venuta a verificare a causa della positività al Covid di gran parte del personale». 

Il primo cittadino si appella anche alla Regione Marche. «Stiamo facendo tutto il possibile, ma la Regione – dice Santarelli - deve prendere in mano la situazione e mandare personale qualificato in quantità sufficiente. Al Profili, intanto, la Direzione sanitaria, come richiesto dagli operatori sanitari e come sollecitato anche dall’amministrazione comunale, ha finalmente autorizzato il ripristino della zona grigia per ospitare temporaneamente i positivi al Covid e tenere puliti i reparti». Questo si è reso possibile perché l’Hospice, il reparto per i malati terminali, è stato spostato presso l’Unità Operativa di Medicina. Notevole il lavoro dei sanitari del Profili che potrebbero a breve ricominciare a dover garantire anche le urgenze chirurgiche di tutta l’Area Vasta, come nella prima fase. «Il Pronto soccorso – spiega il primario, Loredana Capitanucci – ha percorsi separati. Da fine gennaio è attivo un percorso sporco con stanza dedicata per la valutazione dei casi sospetti o positivi, mai sospeso, neanche in estate. Tutti gli operatori sanitari del Pronto soccorso e Potes sono stati in questi mesi testati e nessuno è risultato essere positivo, pertanto se ne deduce che si è lavorato in massima sicurezza».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA