Ecco Buck, il baywatch
a quattro zampe che salva i bagnanti

Venerdì 14 Giugno 2019

MONTEMARCIANO -  Primo giorno di lavoro ieri per Buck, bagnino di salvataggio a quattro zampe, che per tutta l’estate sarà in servizio nella torretta dello stabilimento balneare Chateau Chateur, ex Waikiki, a Marina di Montemarciano, monitorando anche la spiaggia libera di Marzocca. Buck e il suo conduttore Christian costituiscono la prima unità cinofila delle Marche al servizio in una postazione fissa. A dare il cambio a Buck, uno scattante labrador di 5 anni, arriverà Becky, una femmina della stessa razza di quasi 4 anni, fresca di brevetto. «Buck è alla sua seconda stagione – spiega Christian Cavina, conduttore – ma la scorsa estate eravamo presenti solo negli stabilimenti della Polizia di Stato e della Marina Militare di Senigallia. Quest’anno abbiamo una postazione fissa in uno stabilimento balneare e siamo l’unica unità cinofila operativa nelle Marche, con un cane di salvataggio che affianca e lavora per tutta l’estate con il suo conduttore in torretta. Arriverà poi anche Becky che ha appena ottenuto il brevetto di salvataggio ma ancora non ha iniziato a lavorare». Sarà la sostituta di Buck nei giorni di meritato riposo. 
 

 

 

«Ho iniziato ad allenare Buck quando aveva 4 mesi poi a 2 anni siamo andati a prendere il brevetto in Toscana, rilasciato dalla Società Nazionale di Salvamento di Genova – racconta il 44enne bagnino di salvataggio –, pur avendo la postazione a Marina di Montemarciano, copriamo anche la spiaggia libera di Marzocca, perché siamo al confine. Becky invece ancora non è entrata in servizio ma si alternerà con Buck per farlo riposare e per non farlo stressare troppo».

Una coppia di labrador e il loro conduttore Christian Cavina. Una squadra davvero speciale al lavoro al confine tra Marina di Montemarciano e Marzocca di Senigallia. Mentre Buck ancora non ha effettuato soccorsi, perché non si è mai presentata l’esigenza, e Becky non è invece mai entrata in servizio. il loro conduttore si è già distinto per un intervento in particolare. Nel 2012 a Cesano ha salvato una madre e suo figlio di 11 anni che stavano per annegare. Il suo tempismo è stato decisivo in quella circostanza per strappare i due bagnanti da una morte certa. La corrente li aveva trascinati dove l’acqua è alta e nessuno dei due sapeva nuotare. Aiutandosi solo con una tavola da surf, Christian Cavina è riuscito a riportare a riva madre e figlio a cui poi ha effettuato le manovre di soccorso in attesa dell’ambulanza. Ha una grande esperienza alle spalle ed ora ad aiutarlo avrà la forza di un cane che sarà molto utile per riportare a riva i bagnanti, se dovessero verificarsi ancora interventi multipli. Sarà un valido supporto anche se la persona da soccorrere sarà una sola. Per Buck la giornata al mare inizia verso le 8.30 anche se poi entrerà in servizio alle 10 per terminare alle 18. Prima qualche passeggiata, un po’ di allenamento, un bagno in mare e dalle 10 si fa sul serio. Massima concentrazione. Christian si posiziona in torretta e sotto, all’ombra, si siede Buck sopra un asciugamano.

Vicino a una grande ciotola d’acqua che con questo caldo serve proprio. Nel momento in cui indossa la pettorina Buck sa di essere operativo e si concentra, controllando ciò che avviene in mare. Prima e dopo si prende tutte le coccole dei bagnanti, soprattutto dei bambini che rimangono sempre affascinati da lui. Quando lavora però non c’è spazio per le carezze. Si lavora e basta. Una coppia ben collaudata quella formata da Buck e Christian che vivono insieme e si allenano anche nei mesi invernali. C’è infatti un duro e costante lavoro per tenersi allenati che non si esaurisce con l’estate. Nei prossimi giorni lo raggiungerà Becky, meno esperta di lui ma già addestrata ed in grado di dargli il cambio per consentire a Buck di riposarsi. Il grosso del lavoro nella stagione turistica in corso sarà però Buck e Christian ma Becky sarà comunque una valida supplente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA